TWO CRUDE NERDS: ASSASSIN’S CREED UNITY

1486

A cura di Giacomo Azzolina

Distributore e sviluppatore: Ubisoft
Genere: action/adventure
Data di uscita: 13 Novembre 2014

Liberté, Égalité, Fraternité con Assassini e Templari!
 Finito il ciclo degli Auditori e dei Kenway, Ubisoft cambia le carte in tavola e ci porta in una dei periodi storici più controversi e importanti: a Parigi durante la rivoluzione Francese. Il nostro assassino questa volta sarà Arno Dorian, un ragazzo cresciuto tra i fasti regali di Versailles, il quale all’età di otto anni perde il padre vittima di un misterioso omicidio. Viene quindi adottato dal nobile parigino François de la Serre, che diventa per lui come un padre. Qui Ubisoft ci fa percorrere molti momenti importanti della Rivoluzione Francese, in prima persona e non. E sotto alcuni aspetti  fa credere che dietro alcuni eventi della Rivoluzione siano nati da una pianificazione degli stessi Assassini o dei Templari. Il Tutto ambientato in una Parigi vivida e in pieno fermento, la cura dello sviluppatore sulla riproduzione parigina è notevole, una Parigi settecentesca di incredibile bellezza, sia a livello architettonico, proponendoci tutti i più conosciuti luoghi e meno noti con una cura per i dettagli artistici certosina, sia a livello di sensazioni che la città trasmette : piena di disordini e rivolte; più volte girando per la città mi sono ritrovato a vedere gruppi di persone manifestare al di fuori degli appartamenti o delle ville dei Nobili francesi, delineando così il Parigi il miglior palcoscenico dell’intera saga di Assassin’s Creed.

Rivoluzione ? Più Storica che Ludica

Ubisoft ci confeziona un gioco, che, visivamente parlando,  forse è il primo che riesco a definire un gioco veramente next-gen, sia per l’apporto di una veste grafica degna di nota, con giochi di luci elaborati, effetti particellari numerosi e un “mare” di personaggi su schermo; e sia va anche annotato uno sforzo degli sviluppatori che per la prima volta tentano di cambiare o almeno di sensibilmente allontanarsi dal solito gameplay fatto di corse automatiche e contrattacchi ( forse qualche nostra preghiera  è giunta a destinazione), insomma in questo Assassin’s Creed c’è stato lo sforzo di “Rivoluzionarlo”.  “ Incredibile, Giacomo! allora lo vado a comprare subito, mi hai convinto!” disse un tizio del pubblico che non colse la mia ironia.
Ebbene si, perché Ubisoft confeziona un bel gioco, ma non va più in la di così. Si nota lo sforzo, il tentativo di fare quel passo in più, ma non posso giudicare un gioco solo sullo sforzo degli sviluppatori perché alla fine il gioca pecca in ogni aspetto: dai milioni di problemi grafici che il gioco ha risentito dal lancio e che  forse ora sembrano essere stati stabilizzati; dal nuovo tipo di gameplay che è stato usato sopratutto per quanto ne compete le scalate e le discese degli edifici diverso dai precedenti, ma sempre attaccato a quei rigidi movimenti automatizzati. Anche  nelle fasi di lotta hanno tentato di metterci mano aumentandone la difficoltà con nemici più aggressivi e imprevedibili ma che ti attaccano sempre uno per volta. Forse l’unico aspetto che si salva e quello riguardante il multiplayer che dal solito guardia e ladri competitivo è stanno completamente rivoltato, ed ora  è composto da missioni da svolgere in cooperativa fino ad un massimo di 4 Assassini e con diversi modi di approcciarsi alla missione.

Commento finale

Questa volta Assassin’s Creed parte con le migliore pretese e inizialmente ci fa assaporare un gioco davvero promettente, che ci fa credere di essere il cambio che ci si aspettava da questa saga, ma Ubisoft in parte fallisce. Colpa maggiore, il poco tempo concesso agli sviluppatori per la creazione del gioco (poco più di un anno), perché quando si gioca si sente la differenza con gli altri capitoli della saga ma poi si viene interrotti da bug , glitch e altro ancora. Si può dire che Assassin’s Creed  Unity è una buona idea mal sviluppata. Speriamo venga data maggior attenzione ai prossimi capitoli.

P.S. Ubisoft ha già annunciato il prossimo Assassin’s Creed, si chiamerà Victory, ed uscirà alla fine di quest’anno ( tanto per cambiare ) ’Namo bene.

Pro :
– Ventata di freschezza grazie ad un gameplay diverso

  • Un multiplayer molto divertente e mai noioso
  • Parigi in rivoluzione è bellissima
  • tante missioni extra e diversi approcci per ogni missione
  • Grafica davvero splendida e ben curata

Contro :

  • Bugs e frame rate fermo a due frame al secondo
  • da che pesava 40 giga adesso con tutte le patch ne pesa quasi il doppio!!
  • ad Alcuni momenti storici non gli è stato dato il giusto spazio.
  • Si ha sempre la sensazione che manchi qualcosa al gioco

VOTO : 7 e 1/2

Commenti su Facebook