Inizia novembre, le giornate si accorciano, inizia il freddo, le piogge: tutte caratteristiche che descrivono le giornate perfette per andate al cinema. Yes Weekend è la rubrica che corre in soccorso a tutti quelli che, come me, non sanno mai quale pellicola scegliere.

Saw – Legacy

John Kramer, alias Jigsaw, dopo sette anni di attesa torna a far rabbrividire gli spettatori con l’ottavo capitolo della raccapricciante saga horror. La saga di Saw, nata nella mente del regista James Wan e dello sceneggiatore Leigh Whannell, si ripresentava annualmente nel periodo di Halloween ma questa volta sono i fratelli australiani Spierig a sedersi dietro la macchina da presa. La serie di nuovi omicidi che sconvolgono la città sembrano portare la firma di Kramer, ufficialmente morto 10 anni fa. Chi sarà la mente dietro ai nuovi giochi?

Mistero a Crooked House

Tratto dal romanzo È un problema di Agatha Christie, la scrittrice di gialli più famosa e letta di sempre.

Trama: siamo nell’Inghilterra degli anni ‘50; qui l’investigatore privato Charles Hayward (Max Irons) riceve la visita della sua ex amante, Sophia Leonides (Stefanie Martini), che gli chiede di indagare sulla morte del nonno, Aristides, apparentemente avvelenato “per errore” dalla nuova moglie, Brenda (Christina Hendricks).

La pellicola è sicuramente riuscita e il merito va allo sceneggiatore premio Oscar Julian Fellowes, che ha già dimostrato il proprio talento con la serie Downton Abbey.

Gifted – il dono del talento

Al Box Office Usa Gifted – Il dono del talento ha incassato nelle prime 11 settimane di programmazione 24,5 milioni di dollari.

Trama: Frank Adler è un single che sta crescendo sua nipote di sette anni Mary, figlia di sua sorella, una geniale matematica. Anche la bambina è straordinariamente dotata, talento che viene alla luce quando inizia a frequentare la scuola e i suoi coetanei. La brillante sceneggiatura di Tom Flynn analizza il delicato terreno della crescita dei bambini prodigio mentre prova a dare una risposta ad un quesito altrettanto delicato: bisogna privilegiare l’intelletto e la genialità oppure l’infanzia del bambino?

A cura di Benedetta Mingarelli

Commenti su Facebook
SHARE