Sempre la solita storia: quando fra le programmazioni dei cinema c’è questo titolo, tutti gli altri film vengono oscurati. Che sia l’ultima opera di Sorrentino, un’enorme produzione americana o un ritorno a un grande classico restaurato, l’hype della saga fantascientifica per eccellenza non ha rivali. Ma se non siete grandi fan del genere (presupponendo che esistano persone così), eccovi qualche consiglio per un fine settimana al cinema.

  • Solo: A Star Wars Story

Ron Howard si tuffa nel mondo di George Lucas per la regia del secondo spin-off della saga di Star Wars, questa volta dedicato alle avventure di un giovanissimo Han Solo molti anni prima di incontrare Luke Skywalker e il Maestro Obi-Wan Kenobi. Il contrabbandiere spaziale bazzicava già i locali più malfamati della galassia, come la amata cantina di Mos Eisley, in compagnia del fedele Chewbecca. Nel rischioso torneo di carte citato nella trilogia originale, il futuro pilota dell’Alleanza Ribelle la spunta su un famigerato giocatore d’azzardo sottraendogli l’adorato Millennium Falcon.

 

  • Ultimo tango a Parigi

A proposito di vecchi classici, questo fine settimana i cinema di tutta Italia ripropongono un’attrazione “fatale” di quasi vent’anni fa. Il film fece scandalo per le sue scene di nudo e per il messaggio senza dubbio equivoco che emanava, tanto che la Cassazione ordinò con una sentenza di bruciarne i negativi. Ma una splendida fotografia e intensi dialoghi fra i protagonisti ne fecero il film più famoso e chiacchierato di Bertolucci, con un grande Marlon Brando.

 

  • Nobili bugie

Noi di Vox siamo da sempre sinceri (e sinceramente non pubblicizzati), e questo ci permette anche di consigliarvi cosa forse sarebbe meglio non andare a vedere nelle sale. È il caso di Nobili bugie, commedia diretta da Antonio Pisu e che vede come protagonisti Claudia Cardinale e Raffaele Pisu. Una trama normale per un cast visto e rivisto in decine di commedie, non proprio la scelta migliore per tentare di sbancare al botteghino.

 

A cura di Marco Teruzzi

Commenti su Facebook
SHARE