Yes Weekend: tre film diversi, tre generi diversi

319

Eccoci qui, come ogni settimana, in compagnia di Yes Weekend. La vostra rubrica preferita torna per svelarvi le proposte più interessanti che i cinema hanno in serbo per voi. Vediamole insieme!

Cinquanta sfumature di nero.

Mr. Grey (Jamie Dornan) e Anastasia (Dakota Johnson) tornano con il secondo capitolo tratto dalla serie di successo e fenomeno mondiale Cinquanta sfumature. Quando un addolorato Christian Grey cerca di persuadere una cauta Ana Steele a tornare nella sua vita, lei esige un nuovo accordo in cambio di un’altra possibilità. I due iniziano così a ricostruire un rapporto basato sulla fiducia e a trovare un equilibrio, ma alcune figure misteriose provenienti dal passato di Christian accerchiano la coppia, decise di annientare le loro speranze di un futuro insieme.

Incarnate

Seth Ember è uno scienziato dotato della rara capacità di esorcizzare le menti delle persone possedute. Quando gli viene affidato il caso di un adolescente particolarmente tormentato, rimane sconvolto nello scoprire che dentro di lui si annida lo stesso spirito maligno responsabile della morte dei suoi affetti più cari: sua moglie e suo figlio. Il Dr. Ember farà di tutto per salvare la vita del giovane ragazzo e distruggere il demone prima che il mondo interno venga messo in pericolo dalla sua ferocia. Riuscirci significherebbe inoltre redimersi e riniziare finalmente a vivere.

4021

4021 è un agente di commercio che passa in macchina, in giro per Roma, la maggior parte del suo tempo: vendere prodotti alimentari e incassare le fatture dai clienti che serve è il suo obiettivo quotidiano. Il ristoratore Agostino, suo fedelissimo cliente da anni, deve saldargli le fatture della merce acquistata molti mesi prima, per le quali l’agente 4021 si è fatto garante con la propria azienda, ma nonostante le sue innumerevoli promesse anche questa volta Agostino sembra non volere sentir parlare di saldare il suo debito. Ma questa per entrambi non sarà una giornata qualsiasi…

A cura di Marco Teruzzi

Commenti su Facebook
SHARE