I, TONYA

Tra i titoli più attesi delle nomination agli Oscar c’è Tonya Harding, giovane promessa del pattinaggio artistico statunitense, portata sul grande schermo dalla bella e brava Margot Robbie. La sua storia è di per sé surreale, e pare funzionare perfettamente in questa trasposizione cinematografica. Tonya ha talento senza dubbio, ma non riesce ad incarnare la perfetta campionessa tanto cara al popolo americano. Nel corso della sua vita dovrà difendere la propria passione non solo dalla madre pazza psicotica (interpretata deliziosamente da Allison Janney, che non a caso conquista la statuetta), ma anche dal suo violento e morboso fidanzato Jeff. Il quadro che si prospetta sembra crollare sulla protagonista, la quale però è dura a mollare. Il film è appassionante e travolgente non solo per la bravura degli attori, ma anche perché dietro cela una storia accaduta veramente.

READY PLAYER ONE

È in questo secolo che la realtà virtuale sta iniziando a spodestare la vita vera, e nel nuovo film firmato Steven Spielberg l’alternativa ad un mondo di povertà, violenza e desolazione si chiama Oasis.

La piattaforma creata dal geniale James Halliday offre rifugio a tutti i componenti di un mondo futuristico, per la precisione si parla del 2045 (non così lontano se ci pensate); quest’ultimo annuncia la sua morte con la rivelazione di un livello speciale di Oasis, una sorta di “easter egg” che se trovato all’interno del gioco, garantirebbe al fortunato vincitore non solo un bel gruzzolo di soldi ma anche il totale controllo del mondo virtuale in cui si trova. Diretto da Steven Spielberg, è tratto dall’omonimo romanzo pubblicato da Dea Planeta Libri.

NELLE PIEGHE DEL TEMPO

Nonstante la nostra generazione sia cresciuta con i film di Walt Disney, la nota negativa della settimana riguarda la nuova produzione marchiata sotto tale nome. Non che si avesse una grande aspettativa del film, nonstante sia stata fatta una massiccia campagna pubblicitaria a riguardo. La storia racconta di una ragazzina proveniente da una famiglia di persone geniali, la quale presto scopre di aver ereditato tale caratteristica dal padre. Eventi sconvolgenti travolgeranno Meg, la protagonista, e gli altri componenti della famiglia. La trama non è delle più originali, anche se pare essere l’inizio della trasposizione della collana di romanzi sci-fi di Madeleine L’Engle. Una nuova “Bussola d’oro”? Staremo a vedere.

a cura di Emma Giametta

Commenti su Facebook
SHARE