Rieccoci per l’appuntamento settimanale di Tip of the week! Questa settimana è stata dura capire cosa suggerire, ma poi è successo che è uscito Kanye West con una nuova perla e allora… ecco il nostro tip!

I hate being Bi-Polar, It’s awesome!” Kanye si racconta in ye, ottavo album in studio dell’artista, uscito il 1° Giugno 2018, e che va a precedere la prossima uscita del disco in collaborazione con Kid Cudi Kids See Ghost. Sette tracce registrate in studio nel Wyoming (USA), di cui tra l’altro si possono vedere le montagne dell’area in copertina, infatti la foto in questione è stata scattata dallo stesso Kanye prima della festa d’ascolto (31 Maggio 2018) dal suo telefonino: il paesaggio alla Twin Peaks e la scritta che ci ricorda il “If you’re reading this it’s too late” di Drake sono la cover di ye.

Un disco che si ascolta tutto in un fiato -sono in totale di 23 minuti (e 41 secondi) di ascolto- che vanta collaborazioni del calibro di Nicki Minaj, Kid Cudi, Ty Dolla Sign, PartyNextDoor, Jeremih, Charliw Wilson, Valee e 070 Shake. Arriva al momento giusto, dopo un susseguirsi di dichiarazioni che hanno mandato in tilt le maggiori testate di gossip, risponde alla nostra intrinseca esigenza di capire “ma che sta’ a dì Kanye?”. È un album onesto (forse troppo in un’era in cui vige il diktat del politically correct) e crudo che ci racconta di really bad things, dai tradimenti, alle droghe, ai pensieri controversi, ma soprattutto del disturbo diagnosticatogli, che però il West definisce come “ain’t no disability/ I’m a superhero”: e diamine se ha ragione! Perché Kanye sarà pure antipatico ai più, ma rimane un genio indiscusso della musica con l’incredibile capacità di non essere mai banale e di riuscire a trasformare una sua sofferenza in arte.

E allora vi chiedete ancora perché ascoltare “ye”? Perché il Kanye controverso, complesso e bipolare ce piace!

 

A cura di Sara Palumbo

Commenti su Facebook
SHARE