Dal 2016 ci fanno ballare con i loro singoli e finalmente, a tre anni di distanza da “Le ragazze”, esce per INRI e Sony, La pizza il pop la musica elettronica, album di debutto de Lemandorle!

Arrivato solamente quattro mesi dopo l’EP Per un album è ancora presto, che ci faceva temere di dover aspettare molto di più per un LP, questo progetto, seppur breve in quanto concentrato in 8 pezzi, suona più come una raccolta di successi che un debutto: al suo interno sono infatti contenuti molti dei singoli pubblicati negli ultimi due anni (“Le 4”, “Gelato colorato” e la loro hit da 2 milioni di ascolti “Ti amo il venerdì sera”), oltre che i pezzi già estratti per il lancio di questo album (“Baciami” e “Da sola”). La musica elettronica, quella citata nel titolo, reclama il suo spazio nella title-track e in “Avanguardia pura”, segnando così il primo esperimento del duo nel campo dell’elettronica old school, quella fatta di voci distorte e loop.

Un lavoro coeso e pieno di collaborazioni: Francesco De Leo presta la voce in “Baciami”, che racconta di un amore nato in vacanza tra una studentessa d’arte e un giovane e affascinante turista, e di come la fugacità del loro rapporto porti a un limonarsi disinteressato quanto appassionato; su “Da sola” canta invece Manitoba, che rende quest’inno alla masturbazione ancora più suggestivo; chiude il tutto il rap di GENTE in “Le astronavi”, che è anche una delle tracce più riuscite del disco.

Perché ascoltare La pizza il pop la musica elettronica? Che piacciano o meno, Lemandorle sono stati tra i primi a riuscire ad imporsi nel mercato italiano, sfondando già nell’ormai lontano 2016 la barriera tra indie e pop, mandando “Le ragazze” in rotazione su Radio Deejay. La carta ‘primo album’ probabilmente poteva essere usata meglio, sviluppando un lavoro più lungo e meno incentrato sui singoli già conosciuti dal pubblico, ma questo lavoro suona comunque benissimo come sottofondo di un viaggio in macchina (possibilmente serale) o nel tragitto casa-locale in metro al sabato sera.

 

A cura di Fabio Scotta

Commenti su Facebook
SHARE