The Temper Trap @ Circolo Magnolia (Milano)

231

Il 5 febbraio al Circolo Magnolia di Segrate si è tenuto il concerto dei The Temper Trap.

Ad aprire il concerto c’è la band di Milano Les Enfants, che accompagnerà i The Temper Trap per tutte le tappe italiane; i ragazzi sono una perfetta intro per il live e la loro performance non delude nessuno.

Sono passate le 22 ed ecco che arrivano i tanto attesi australiani, sono Dougy Mandagi (voce, chitarra ritmica), Jonathon Aherne (basso), Joseph Greer (chitarra solista, tastiera) e Toby Dundas (batteria, percussioni). Iniziano le danze con il singolo che dà il nome al nuovo album “Thick as Thieves”.

Non mancano i brani le che li hanno resi celebri, segue infatti “Love Lost” dell’album fortunato Conditions e la platea subito si scalda. Il pubblico risponde positivamente, ma la band è qui per presentare Thick as Thieves il loro terzo album e primo senza l’ex componente Lorenzo Sillitto, sono infatti passati quattro anni dall’ultima uscita (The Temper Trap) ed è il momento per questi ragazzi di riscattarsi. “Fall Together” è il secondo singolo del nuovo album, il pezzo che eseguono riscuote successo.

Una nube rosa avvolge i The Temper Trap che con il loro calore australiano, il look hippie, le chiome lunghe ed il falsetto di Dougy ci conquista. La band è decisamente completa, durante il live sono molti i cambi degli strumenti, ciascuno si presta a suonare sempre qualche cosa di diverso, da maracas a tamburello. Ma ora è il nostro turno: dobbiamo cantare anche noi, parte “So Much Sky” intonata da tutta la platea. I The Temper Trap insomma non ci fanno mancare niente, nemmeno il momento del crowdsurfing di Dougy.

Siamo quasi alla fine e per un attimo spariscono, ritornano, e Dougy si è cambiato, ci dice che lo abbiamo reso tutto “wet”, ci scappa qualche risata.
La band ci ringrazia di essere qui stasera, nonostante la partita Inter-Juventus e nonostante sia domenica sera. Parte “Soldier on”, una lenta ballata che ci anticipa la conclusione. Compito di “Sweet Disposition”, la hit che sicuramente li ha resi celebri dal 2009, a darci l’ultimo saluto, e noi rimaniamo in attesa di trovarli nuovamente qui a Milano.

Scaletta del concerto:
Thick as Thieves (Thick as Thieves)
Love Lost (Conditions)
Fall Together (Thick as Thieves)
Fader (Conditions)
Burn (Thick as Thieves)
Trembling Hands (The Temper Trap)
Rabbit Hole (The Temper Trap)
So Much Sky (Thick as Thieves)
Ordinary World (Thick as Thieves)
Summer’s Almost Gone (Thick as Thieves)
Science Of Fear (Conditions)
Resurrection (Conditions)
Alive (Thick as Thieves)
Soldier On (Conditions)
What If I’m Wrong (Thick as Thieves)
Sweet Disposition (Conditions)

A cura di Sara Palumbo

Photo credits: Beatrice Corona

Commenti su Facebook
SHARE