Bentornati nella rubrica che vi presenta le ultime notizie che riguardano il mondo della tv e quello del cinema!

Partiamo col segnalarvi l’uscita di due trailer di due blockbuster, in uscita nella seconda parte dell’anno:

  • Ant-Man and the Wasp di Peyton Reed: c’è molta attesa per il nuovo film del Marvel Cinematic Universe dopo Infinity War, tuttavia già da questo trailer possiamo vedere come l’atmosfera sia scanzonata, tanto quanto come quella del primo Ant-Man. Oltre a scene d’azione adrenaliniche in cui vediamo la nuova coppia di supereroi (Paul Rudd e Evageline Lilly), possiamo dare un’occhiata alla villain Ghost (Hannah John-Kamen) e Bill Foster (Laurence Fishburne) ma anche a volti già conosciuti Hank Pym (Michael Douglas). Uscirà da noi il 14 agosto 2018.

 

  • Robin Hood di Otto Bathurst: alla fine di novembre arriverà la nuova trasposizione di Robin Hood, dopo quella del 2010 firmata Ridley Scott con Russell Crowe, dove troviamo il principe dei ladri interpretato da Taron Egerton, il protagonista di Kingsman affiancato da Jamie Foxx, Jamie Dornan, Ben Mendelsohn e Paul Anderson.

 

Ci sono stati anche annunci importanti come quello della Warner Bros, che ha confermato l’uscita di un terzo capitolo della saga di Sherlock Holmes di Guy Ritchie con Robert Downey Jr. e Jude Law: il film uscirà a Natale 2020. Per ora si sa che la sceneggiatura è firmata da Chris Brancato, che i due attori principali torneranno, mentre non è certo il ritorno di Ritchie. La Sony invece ha fatto un annuncio sconcertante: si sa che a Hollywood si raschia il fondo del barile da anni ma qui più che mai, in quanto hanno annunciato la volontà di costruire un franchise di film horror sulla figura del defunto esorcista padre Amorth. È una risposta al franchise di The Conjuring della Warner e una strizzata d’occhio alla pietra miliare di William Friedkin, L’esorcista: insomma niente di nuovo all’orizzonte.

Spostiamoci nel mondo della televisione dove due serie importanti, Westworld e Jessica Jones hanno appena ottenuto entrambe un rinnovo per una terza stagione. Da notare che il rinnovo per la prima serie è stato ottenuto dopo la trasmissione del secondo episodio, a confermare il crescente successo per la serie di Jonathan Nolan. Su Netflix invece abbiamo assistito ad un’operazione anomala: in preparazione della quinta stagione in uscita a fine maggio, la quarta stagione di Arrested Development è stata rimontata completamente, andando a proporre una narrazione più lineare, rispetto a quella più frammentata del montaggio originale, che comunque è ancora disponibile sulla piattaforma.

 

Per oggi è tutto, per ulteriori aggiornamenti state sintonizzati su Vox.

 

A cura di Fabio Facciano

 

Commenti su Facebook
SHARE