Venghino signori, venghino! Il ragazzo dei giornali è nuovamente in strada ad annunciare le ultime notizie fresche fresche provenienti dal mondo del cinema. Questa settimana le luci dei riflettori sono puntate su varie star cinematografiche e i loro impegni sul set, ma si prende un po’ di spazio anche un regista emergente e una sua storia stravagante.

E’ uscito un nuovo trailer su Serenity, nuovo film con aspirazioni molto Noir che vede assoluti protagonisti Anne Hathaway e Matthew MacConaughey, diretti dallo sceneggiatore Stephen Knight, che al terzo film da regista si conferma più ambizioso che mai. La storia di questo film è, infatti, incentrata sulla vita solitaria di un uomo, che dopo essersi lasciato il passato alle spalle e ad aver deciso di trasferirsi su un’isola semi deserta dei Caraibi, si vede sbucare dal nulla una sua vecchia fiamma disposta a convincerlo ad ammazzare il marito, reo di essere un sadico pazzo. Accanto a un’ambientazione selvaggia, la trama di questo film si sviluppa in maniera molto complessa e lasciando sempre abbastanza in oscurità il vero punto di vista dei protagonisti.

 

Andiamo avanti e proseguiamo con un’altra notizia riguardo a un prossimo cast stellare. Sappiamo benissimo tutti come Wes Anderson sia uno di quei registi che ama fare dei propri set sorta di rimpatriate tra amici o riunioni di famiglia: che, insomma, ami lavorare con uno zoccolo duro d’attori che torna sempre o quasi sempre nei suoi film. Per il suo decimo lungometraggio, l’annunciato musical ambientato nella Francia del secondo dopoguerra, sembra che di quel nucleo di andersoniani duri e puri torneranno Owen Wilson, l’Adrien Brody di Il treno per il Darjeeling e Grand Budapest Hotel e, ovviamente, anche l’immancabile Bill Murray. Più sorprendenti, considerate le abitudini del regista, le voci che vogliono nel cast la presenza di Léa Seydoux, e ancor di più quelle di Brad Pitt e Natalie Portman, che pure non sono nuovi a collaborazioni con Anderson. Le riprese del nuovo film del regista, al momento ancora senza un titolo, avranno inizio all’inizio del 2019 nella zona del comune di Angoulême, in Nuova Aquitania, e dintorni.

 

Concludiamo la carrellata di news con la prossima presentazione di un film molto particolare. Il documentarista italiano Paolo Proserpio, in suo viaggio in Israele, ha conosciuto su un taxi un uomo che sosteneva aver rubato un murales di Banksy. Cosa che poi, si è dimostrata vera. Ed è così che nasce questo documentario, attraverso la storia narrata da Walid, il quale è riuscito a farci anche parecchi soldi da questa impresa, e dove si esplora non solo la difficile sussistenza nel paese che spinge le persone ad atti di questo tipo, ma ci si sofferma molto anche sullo sviluppo della street art in Medio Oriente. Il documentario verrà presentato al Torino Film Festival e sarà in proiezione nelle sale italiane l’undici e il dodici dicembre.

 

A cura di Edoardo Marcuzzi

Commenti su Facebook
SHARE