Insieme al rientro, il lavoro e lo studio arrivano le notizie dal mondo dorato, e che soprattutto mai va in ferie, del cinema.

Paper Boy vi lancia subito una notizia dell’ultima ora proveniente dal Libano: Ziad Doueiri, regista del film L’Insulto, presentato alla Mostra del cinema di Venezia, è stato fermato al suo rientro dall’Italia dalle autorità libanesi. L’accusa è quella di aver collaborato con Israele. Nel suo film The Attack (2012), alcune scene sono state, infatti girate nel territorio israeliano, inoltre parrebbe che il suo ultimo film “L’insulto” non vada a genio in Libano. La buona notizia è che è stato rilasciato dopo poche ore.
(Link trailer https://www.comingsoon.it/film/l-insulte/54246/video/?vid=27084 )

Ma non è finita mica qua…

Infatti volevamo anche comunicarvi che dal Trono di Spade il passo per diventare Papa è breve…ed è stato così per Jonathan Pryce, scelto per interpretare il ruolo di Papa Francesco nella serie targata Netflix The Pope. Il progetto ambizioso di Fernando Meirelles, regista di City of God, non vede solo la partecipazione dell’attore gallese ma molto probabilmente anche quella di Anthony Hopkins per il ruolo di Papa Benedetto.

paper boy 1

In ultimo vi lasciamo con notizie provenienti dal fronte horror.

Solo soldoni per il film IT. Tratto dal famoso romanzo di Stephen King, che vede come protagonista il leggendario clown-mostro, sta infatti spopolando nei cinema. Si contano già 60 milioni di dollari, esordio, che se confermato, confermerebbe la pellicola di Muschietti come top movie del mese.

Sono inoltre ,usciti recentemente i trailer di Insidious 4 (Insidious – L’Ultima Chiave) che segue la trilogia omonima: la protagonista è la medium Elise Rainier che dovrà affrontare l’insidia proprio nella sua casa di famiglia.

È uscito anche il trailer di Dementia 13 (Terrore alla Tredicesima Ora), remake della pellicola di Francis Ford Coppola (1963). Diretto da Richard LeMay uscirà ad ottobre con l’ambizioso progetto di far rabbrividire il pubblico in occasione di Halloween.

A cura di Sara Palumbo

 

 

 

Commenti su Facebook