Star Wars: Battlefront

560

a cura di Giacomo Azzolina

EDITORE: Electronic Arts (EA)

SVILUPPATORE: DICE

GENERE: FPS

CHE LA FORZA SIA CON VOI . . . O PRESSAPOCO

Quando il nuovo Battlefront venne annunciato lasciò tutti senza fiato, il primo trailer fu un qualcosa d’indescrivibile e caricò i fan di un hype senza precedenti, considerando anche che il tutto è amplificato dall’uscita a ridosso del nuovo film in arrivo nelle sale tra un mese. Insomma con tutto l’interesse che gira in questo momento intorno al franschise EA e DICE sembravano avessero fatto (di nuovo) centro. Tutto troppo bello per essere vero, tutto troppo perfetto e come dice Constantine, “c’è sempre il trucco” , pressapoco.

L’intenzione di DICE è stata fin dall’inizio quella di poter rivivere le leggendarie battaglie viste nell’epica saga cinematografica di Star Wars. E nessuno può dire il contrario, il feeling è proprio quello, ti senti all’interno di un mondo in lotta tra Impero e Ribellione, Jedi e Sith, Lato Chiaro e Lato Oscuro, X-wing eTIE fighter, ma lasciando un retrogusto amaro per chi, in questo titolo, aveva riposto tutte le sue speranze. Il trucco escogitato da DICE nel ricreare graficamente un’esperienza quanto più vicina possibile ai film è bastato per scatenare uno dei fanservice più sfrenati, assicurandogli una cascata di copie vendute al lancio.

Cosi, facendo giocano con le emozioni dei milioni di fans che non vedono l’ora di prendere il controllo di uno dei personaggi del gioco. Pad alla mano il feeling è eccellente, sopratutto e forse anche solo, per i fans della saga, che sentiranno di nuovo quelle stesse emozioni che hanno provato nel guardare i film della saga, però attenzione per chi si aspetta una corposa campagna in singleplayer rimarrà deluso, il gioco si muove solo nell’ambito del multiplayer, lasciandoci come unica modalità in singleplayer ( o in co-op in splitscreen) delle missioncine da 10 minuti l’una, ricreate con le sezioni ridotte delle stesse mappe multiplayer (ndr quindi giusto per dare un contentino ed annacquare un po di più il brodo).

LA FORZA SCORRE POTENTE IN. . .AH NO, ASPETTA!

Prendendo in esame il multiplayer, vero fulcro del gioco, ci troviamo di fronte a una produzione in parte rivolta ai casual gamer, con una struttura di livellamento dei giocatori praticamente inesistente e con la sola possibilità di scegliere l’equipaggiamento più adatto alle circostanze. Le modalità online saranno nove, e tutte si rifanno a quanto già visto nella serie Battlefield. DICE sembra voler andare sul sicuro, non introducendo nulla di davvero interessante ma rivisitando quanto di buono aveva fatto in passato.

Degna di nota a mio avviso è la modalità “Assalto ai Camminatori” dove un totale di 40 giocatori potranno darsi battaglia divisi in due squadre da 20, la prima imperiale a scorta di due AT– AT con lo scopo di raggiungere il campo ribelle, la seconda con i ribelli oppositori che dovranno attivare e difendere alcuni radiofari per permettere un attacco aereo ai caccia e destabilizzare gli scudi energetici degli AT – AT, e infliggergli quindi un considerevole quantitativo di danni, ricreando in parte alcune famose scene di battaglie campali che abbiamo amato nei film. Oltre a questa si rivela interessante anche la modalità Fighter Squadron che ci vedrà impegnati nei cieli dei quattro pianeti attualmente disponibili (Tatooine, Endor, Hoth e Sullust) per dare battaglia ai rispettivi caccia nemici. Una grave mancanza è l’assenza di battaglie spaziali, cosa che per un prodotto con licenza ufficiale Star Wars è quantomai d’obbligo.

CONCLUSIONI

Forse la volontà di cavalcare l’hype del film (che ha già incassato 50 milioni di dollari solo in prevendite) ha portato DICE a creare un gioco bellissimo da vedere ma inesorabilmente privo di mordente a causa del poco tempo a disposizione. Star Wars: Battlefront si presenta tirato a lucido come una fuoriserie, ma senza un motore che lo possa spingere nell’olimpo degli FPS.

Il lavoro audio visivo svolto da DICE merita rispetto, la cura riposta nel ricreare l’universo di Star Wars è encomiabile, ma aldilà della grafica quello che manca al titolo è un’anima che solitamente viene concretizzata nel gameplay, in questo caso diverse tacche sotto gli standard odierni. La mancanza di una campagna single player poi dà il colpo di grazia a una produzione che sa di occasione mancata dall’inizio alla fine e lascia l’amaro in bocca a tutti quei giocatori che ci avevano creduto. Lo consiglio solo ai fans della saga, perché solo per loro è stato pensato per tutti gli altri dirà poco, se non: “Wow che grafica”!. Tanto per restare nel tema, spremiamo fino all’ultimo chi ha comprato il gioco, sono stati annunciati già una cascata di DLC ad un costo ben superiore a quello del gioco stesso.

Pro:

– livello tecnico di alto livello

– i fan lo ameranno

– alcune modalità sono molto avvincenti

Contro:

– è battlefield nel mondo di Star Wars, niente di nuovo

– tutto qua? 70 euro per questo? davvero pochi i contenuti

– DLC a non finire, il mio portafoglio grida aiuto

– si solo allontanati troppo dalla saga di Battlefront originale

VOTO: 7.5

Commenti su Facebook
SHARE