Skate and Surf Film Festival: Milano va a caccia di onde nella riscoperta di un lato della cultura del bel Paese non noto a molti

380

Se si pensa al surf e alla surf culture è difficile immaginare le spiagge della nostra penisola, le vediamo più adatte ai giochi-aperitivo e alle lotte per piazzare il proprio ombrellone. Ma ci si deve ricredere, in Italia esiste una cultura del surf, che ormai non è nemmeno più tanto giovane.

Facciamo un breve excursus:

Gli anni ’70. In Italia sono gli anni di piombo, anni di una strenua lotta politica a cui si affianca in parallelo grande vivacità poetica. E la marea atlantica in questi anni porta sulle nostre coste non solo la musica dei Pink Floyd o la pop-art ma anche una cultura che bene può instaurarsi in un Paese dove è forte il legame con il proprio territorio: il SURF.

Sto parlando di cultura proprio perché dietro a questo sport c’è molto di più, chi lo abbraccia accetta di accogliere una corrente di pensiero e uno stile di vita. Capire come il surf si sia radicato e in seguito evoluto nella nostra penisola è stato un progetto portato avanti da Luca Merli, regista e videomaker milanese, e dal suo Onde Nostre. Partendo nel 2010 con la realizzazione di un film che in seguito darà il nome al collettivo di surfisti, videomaker e fotografi – Onde Nostre, per l’appunto – che ogni giorno si impegnano nel comunicare il “surf pensiero”, il regista milanese ha scavato a fondo in un panorama che si è svelato sorprendentemente ricco. Realizza quindi Onde Nostre (di cui poi è stato fatto anche un libro), il primo film italiano sul surf, e in seguito diversi Ritratti di Surf (cortometraggi dedicati a surfisti italiani) fino ad arrivare nel 2014 a Peninsula, documentario sulla storia del surf in Italia, dalle origini ad oggi. Film, questi, che sono presentati a diversi festival di cinema dedicati a questo sport, chiedo venia, a questa cultura. Eh sì, perché in tutto il mondo sono numerosi i Surf Film Festival. E noi, direte? Ora ci arriviamo.

Il 2017 infatti inaugura anche in Italia una tradizione che speriamo duri negli anni a venire. Sarà Milano ad ospitare lo Skate&Surf Film Festival, organizzato sempre dal collettivo Onde Nostre e che si terrà allo spazio BASE dal 5 al 7 Maggio. Abbiamo avuto l’occasione di poter chiedere a Luca come mai abbia maturato l’idea di portare un festival di questo tipo qui da noi, e se veda in questa occasione la possibilità di far conoscere tutta la cultura che gravita attorno a questo sport. Ci risponde che per l’appunto il festival è una celebrazione della surf culture in senso lato. Sarà un Surf and Skate Film Festival anche perché da Milano la cultura del surf è abbastanza lontana ma quella dello skate è attiva e molto vivace e le radici sono comuni. I tempi sono maturi e c’è già parecchio fermento. Saranno tre giorni di arte, musica e surf/skate culture.

Sarà una bella full immersion insomma. E non solo per chi è un adepto di tavole, ma anche per i curiosi e gli appassionati di cinema. In fondo si tratta di un Film Festival e, come ci sottolinea anche Luca, il Surf è uno sport che si presta particolarmente alla macchina da presa, a un cinema DIY. Tra film più tecnici, che forse possono risultare noiosi a chi non è appassionato di queste discipline, in questi festival sono presenti anche lavori che spaziano in diverse direzioni. Lo stesso regista milanese, i cui lavori speriamo vengano proiettati al BASE, ci racconta di come i suoi progetti e le sue ricerche nascano da diverse contaminazioni, e non si leghino in senso stretto al surf, ma spazino in diverse forme culturali. Un lavoro costante e pensato che si infrange e si riassorbe, come le onde per l’appunto.

Milano, dopo le palme in piazza Duomo, si prepara ad un’altra ventata californiana. Noi ce la segniamo in agenda e vi lasciamo qua sotto il link del sito ufficiale del festival sperando di trovarvi numerosi.

https://www.ssff.it/

a cura di Martina Zerpelloni

Commenti su Facebook
SHARE