Bentornati, cittadini di Essos e di Westeros! All’indomani della più grande battaglia campale che la storia televisiva ricordi, il gioco torna ad essere materia dei vivi: seppelliti i morti, è giunta la resa dei conti tra le due pretendenti al trono. Chi avrà vinto il primo round? Scopritelo insieme a noi!

Varys: 9 – C’era bisogno di rispolverare l’ambiguo eunuco per risollevare una lotta per il trono che si era fatta estremamente militare: la sua lingua e le sue orecchie sono sempre un passo avanti rispetto a quello che gli succede attorno, e sembra aver intavolato un piano che di certo non farà piacere alla sua bionda regina. Le trame del Ragno Tessitore hanno sostenuto decenni di battaglie e, ne siamo certi, anche questa volta non si smentirà, nonostante pare aver firmato la propria condanna a morte. Mi diedero del folle 

Cersei Lannister: 8½ – Sparita negli ultimi due episodi per lasciare spazio alla mattanza del Nord, passati a sorseggiare vino e giocare a nascondino con la piovra, torna finalmente a vestire i panni della nostra (amata) regina. Organizza l’imboscata alla flotta dei Targaryen, sterminandone l’esercito e diminuendo sensibilmente il numero di bestie volanti, permette al popolo di Approdo del Re di entrare nella Fortezza Rossa per usarlo come scudo umano, irride la giovane concorrente uccidendone la fidata compagna: c’era davvero bisogno di altro? Questo era un inganno per capire il tuo livello

Missandei: 8 – Ha la sfortuna di trovarsi nel parapiglia scatenatosi dall’attacco alla flotta: finisce per essere catturata ed utilizzata come pedina nel folle gioco di sguardi tra le due regine. Aveva iniziato la sua avventura in catene e la finisce allo stesso modo, sempre combattendo per il proprio ideale: il suo “Dracarys” carico di odio lascia presagire strascichi non indifferenti. È giunta la mia ora

Arya Stark: 7 – La solita Arya, che ormai non ci sorprende più neanche. È una ragazza in missione per conto della morte e rifiuta qualsiasi ostacolo le si possa parare davanti: non è stata educata per essere una Lady e non lo sarà mai, tanto più dopo aver salvato il mondo intero dalla minaccia degli Estranei. Tutto questo, però, Gendry sembra non averlo capito. We don’t do that here

Tormund: 7 – Ecco il nostro primo partecipante al “Club dei Cuori Spezzati”: le sue lacrime sincere quando vede defilarsi insieme Jaime e Brienne hanno quel senso di drammatico che mai ci saremmo aspettati dal nostro amato bruto. Quando la storia d’amore con la sua donna gigante sembra poter iniziare, ecco che appare un biondo cavaliere dal Sud a strappargliela senza pietà. Ci lascia uno dei migliori della serie, che ritorna nel profondo Nord per guidare i Bruti sopravvissuti ad una nuova vita. Oggi ho perso più di quel che credi

Jaime Lannister: 7 – Il voto nasce dalla media del 5 della prima parte con il 9 della seconda: quanto sarebbe stato bello mantenere questo amore platonico con Brienne, fondato solamente sull’amore e sul rispetto reciproco? Ed invece no, mandiamoli a letto insieme, tanto ormai il più e andato e, molto probabilmente, non si vedranno mai più. Poi, invece, con un discorso duro ma necessario, spiega la propria volontà di tornare da chi non ha mai dimenticato. Momento, momento, momento

Bronn: 7 – Il mercenario torna a fare il mercenario, vendendosi al miglior offerente: dovesse vincere Cersei, guadagnerebbe Delta delle Acque; dovesse vincere Daenerys, guadagnerebbe Alto Giardino. E intanto, lungi dallo sporcarsi nuovamente di sangue e fango, aspetterà in tutta tranquillità gli esiti della battaglia. Mi sembra un buon investimento

Euron Greyjoy: 6½ – È diventato inconsciamente una delle tante pedine nelle mani di Cersei: non si limita ad un uccidere uno dei draghi, ma riesce anche a mettere fuori gioco la flotta dei Targaryen. Il suo apporto, fin qui, è stato fondamentale per riportare l’inerzia dalla propria parte della barricata. Ma ha creduto davvero alla farsa del bambino, suo figlio? For legal reasons, that’s a joke

Sansa Stark: 6½ – Una cosa avrebbe dovuto fare: tenere segreto il segreto più segreto degli ultimi decenni. Una cosa che suo padre Eddard era riuscito a sostenere per anni. Ed invece no, il nostro amato uccelletto inizia a cantare a destra e a manca, diffondendo la voce circa la vera origine dell’ex fratellastro Jon. Nonostante questa sua vena canterina, continua con ferrea determinazione a pungere la regina ed insinuando a Tyrion la possibilità che ci sia qualcuno di ben migliore della bionda. Va bene, allora. Tieniti pure i tuoi segreti

Tyrion Lannister: 6½ – Messe da parte le spade, torniamo finalmente a vedere sprazzi del buon, vecchio Tyrion: le discussioni politiche con Varys permettono di tornare a quello spirito iniziale di GoT per la folle lotta al trono. Nonostante la buona volontà nel discutere con Cersei, arrivando fin sotto le mura della Fortezza Rossa ed esponendosi alle mira degli arcieri, fallisce miseramente nel proprio intento con una parlantina trita e ritrita. Vediamo se mi ricordo ancora come si fa

Jon Snow: 6 – Partiamo necessariamente da due presupposti: da una parte, è il pretendente al trono con la linea dinastica più forte; dall’altra, sarebbe anche quello che lo meriterebbe di più. E allora, perché rifiutare tutto? Per l’amore verso Dany, che sembra avergli offuscato gli occhi? Il modo in cui si fa soggiogare ha del masochistico, ma non resiste comunque alla tentazione di rivelare le sue vere origini alla sua famiglia: saranno loro a ribaltare le carte in tavola? Cioè si sta ribaltando la situazione

Verme Grigio: 6 – La sua armata di Immacolati è stata sterminata, prima dall’esercito degli Estranei e poi durante l’attacco alla flotta dei Targaryen. Assiste impotente alla decapitazione della sua amata e mostra un dolore contenuto ma che potrebbe sfociare in istinti bestiali. La speranza è quella di vedere un ultimo confronto tra lui e la Montagna, così che finisca quanto iniziato quattro stagioni addietro da Oberyn. Ecco cosa mi è rimasto, un bel mucchio di niente

Gendry Baratheon: 6 – Nel bel mezzo della festa, viene interrogato da Daenerys circa le sue origini: la sua paura è palpabile e la possibilità di trovare la sua testa conficcata su una picca è parecchio elevata. Viene però sorpreso dalla notizia di venire legittimato quale nuovo Lord di Capo Tempesta. Un bel guadagno per chi ha passato la vita in una fucina. Tutto contento, trova finalmente Arya, alla quale fa la richiesta di matrimonio: ed è allora che entra a far parte del nostro “Club dei Cuori Spezzati”, dimostrando di non aver capito nulla della giovane Stark. La realtà è spesso deludente

Daenerys Targaryen: 5 – Pazza, folle. L’impressione è che ormai i geni della sua celebre casata si stiano facendo largo: la sete di potere e la visione del Trono di Spade sono ormai diventate il suo pane quotidiano. Obbliga Jon a giurare di non rivelare mai la sua vera identità e di rifiutare categoricamente il trono, poi spinge insensatamente per iniziare immediatamente l’attacco ai Lannister. Ha davvero senso appoggiarla nella sua corsa al trono? Io pure, sono straordinariamente umile

Brienne di Tarth: 5 – In poche puntate, tutto quello che non le era mai stato concesso: il titolo di cavaliere, la possibilità di guidare un’ala dell’esercito, il suo primo uomo. Se nelle prime due aveva dimostrato il proprio valore, con Jaime svela il proprio lato più intimo e che aveva segretamente nascosto per non essere continuamente derisa. Tuttavia, la sua speranza di aver cambiato un uomo si infrange nella dura realtà dei fatti. Ed entra di diritto nel nostro personale “Club dei Cuori Spezzati”. First time?

Nota di merito: Ghost – Lui, il simbolo del Nord e degli Stark. Lui, che era rimasto a sorvegliare il corpo di Jon prima della resurrezione. Lui, che ha combattuto in prima fila contro cose che noi umani non possiamo neanche immagine. Ci lascia così, senza nemmeno una carezza o un ringraziamento dal suo padrone. E qua, siamo noi ad entrare in lacrime nel “Club dei Cuori Spezzati”. Good boy

Rating VOX: 8½ – Una puntata che sa di vero Game of Thrones: la lotta per il trono, gli intrighi di corte e le oscure alleanze. Nonostante rimangano alcuni dubbi circa la successione temporale degli eventi (succede tutto in pochi giorni o è solamente una nostra impressione?), la guerra torna a farsi tra i vivi. E questi non hanno nulla da invidiare alla minaccia degli Estranei, anzi. Le basi per una nuova, grande guerra sono state costruite: riuscirà, questa volta, a rispettare le attese?

 

A cura di Andrea Tenconi

Commenti su Facebook
SHARE