PROSSIMO APPUNTAMENTO USTATION: LIV CHARCOT

482

I Liv Charcot sono una band pop-rock italiana nata nel 2014, formata da Lorenzo Cominelli (voce e basso), Tommaso Simoni (chitarra), Giulio Fagiolini (tastiere) e Nicolò Selmi (batteria).

La metà dei componenti deriva da un progetto precedente, portato avanti da Lorenzo, Tommaso e il batterista Giovanni Lombardi, che con il nome “Indovena” hanno suonato in giro per i locali, con oltre 100 live in tutta italia, la loro musica.
Dal 2011 si è aggiunto alle performance dal vivo il tastierista Giulio Fagiolini, approfittando di una collaborazione con la cantante Rahma Hafsi, con la quale il gruppo ha partecipato all’Italia Wave Festival a Lecce.
Da lì in poi la band ha iniziato a provare in studio, mischiando i suoni, gli stili ed i gusti musicali per la realizzazione di un nuovo album.
Nel Luglio 2013 la band decide di entrare in studio di registrazione, al Sam Studio di Lari (PI), sotto la produzione artistica di Ivan Antonio Rossi per registrare quello che sarà “La Fuga”; l’album vede la partecipazione di artisti quali Beppe Scardino al sax, la cantante lirica Kazue Yamaguchi e Martina Benifei al violoncello.
Il cambio netto nel suono della band, l’inserzione di Giulio nella formazione ufficiale e la recente sostituzione di Giovanni Lombardi, dopo la registrazione dell’album, con il batterista Nicolò Selmi hanno portato alla decisione di cambiare nome ed intraprendere un nuovo progetto.
E’ così che nasce “La Fuga”. E’ così che nascono i “Liv Charcot”.
La band è attualmente in fase di promozione del disco, che uscirà il prossimo 11 Novembre, e impegnata nella preparazione al nuovo tour italiano.

Per saperne di più: www.livcharcot.com

fotoLa Fuga (Out on 11-11-14)

La Fuga è quella richiesta urgente che abbiamo tutti dentro e che benché tentiamo di soffocare prima o poi si manifesta; ogni volta ha una forma, un’intensità e un’espressione diversa. Questo è quello di cui parla “La Fuga”, il primo lavoro dei Liv Charcot in uscita l’11 Novembre 2014, un concept album che parla di una grande fuga che vi trasporterà in undici storie e tipi di evasione: troverete una fuga da sé stessi, una fuga costretta da un abbandono, un’altra per raggiungere l’unica donna davvero desiderata, fughe da situazioni insopportabili e persino la fuga spaziale di un cosmonauta che decide di perdersi nell’ignoto, quell’universo che nessuno conosce, come accade nel primo singolo appena uscito “Cosmonauti Perduti”. Il disco è interamente scritto e cantato in italiano.

Cosmonauti Perduti – Il primo singolo estratto dall’album

Secondo alcune teorie Yuri Gagarin non sarebbe stato il primo uomo ad andare nello spazio, ma piuttosto il primo a ritornarne. “Cosmonauti Perduti” o “Cosmonauti fantasmi” sono dei termini utilzzati per descrivere quei cosmonauti sovietici, spediti in missioni spaziali precedenti a quella di Gagarin, di cui si sono perse le tracce e che non sarebbero mai rientrati sulla Terra. Noi preferiamo osservare il lato romantico di queste assurde scomparse, e soprattutto ci piace pensare che almeno uno di loro, almeno una di queste persone che non sono mai tornate dallo spazio, non l’abbia fatto contro la sua volontà, ma nel pieno della sua coscienza. Il singolo “Cosmonauti Perduti” parla di tutti quegli uomini e quelle donne che fuggono, lontano da sé stessi, per scoprire l’inesplorato. Si lanciano nello spazio ignoto dei loro Io, lontani anni luce da quello che gli altri si aspettano da loro, e quando tutti pensano sia una missione, un viaggio dal quale ritorneranno, loro decidono di non tornare, loro hanno scoperto qualcosa che nessuno di noi conosce, e non torneranno mai più – La canzone vuole essere un invito ad addentrarsi nei meandri della propria mente e del proprio mondo attraverso nuove inespolarate vie allo scopo di raggiungere alcune invevitabili rivelazioni.

 

Commenti su Facebook