Siamo arrivati alla settima eliminatoria del Pending Lips Festival e mercoledì 13 febbraio l’Arci Tambourine di Seregno era particolarmente chiassoso, amici, amiche e fidanzati sono venuti a supportare e votare il loro artista in gara e tra questi c’è la band a cui affidiamo il premio speciale di questo girone, stiamo parlando dei Nasby & Crosh.

I Nasby & Crosh sono Luca Bittì Cirio (voce, chitarra e mandolino), Federico inarteCapra Cavaliere (linea melodica, tastiere, cori), Alessio Premoli (chitarra acustica), Domenico Vena (ukulele, cori), Riccardo BumBum Quagliotti (batteria e percussioni) ,  ragazzoni barbuti che si definiscono “una boyband per anziani”. Una bella presentazione, sincera.

Iniziano a suonare e si capisce chiaramente che oltre a farlo da tempo sanno stare sul palco e intrattenere il pubblico senza annoiare, i Nasby & Crosh sono capaci di coinvolgere e trasportarci sulle loro sonorità decisamente folk accompagnate da testi oriental- pop. Un risultato nel complesso fresco, dolce e piacevole da ascoltare ma anche da guardare perché i movimenti dei cinque membri sembrano coordinarsi all’unisono così da fondersi e apparire come un unico grande sistema armonioso. L’affinità tra vecchi e buoni amici di lunga data si percepisce, suonano per esibirsi ma anche per divertirsi.

Insieme dal 2012 hanno una storia da raccontare e lo fanno in tre Ep, il primo “Quiet Before The Storm” uscito nel 2014, il secondo “Here Comes The Storm” uscito nel 2018 e il terzo capitolo della trilogia è già in fase di lavorazione e si chiamerà “Hush Beyond The Storm”. I tempi tra l’uscita di un lavoro e un altro non sono rapidi e questo aspetto in qualche modo non fa che rimarcare il loro approccio passionale e sincero per la musica, senza fretta o pressioni i Nasby & Crosh dispiegano il loro filo autentico e noi siamo curiosi di sapere dove finirà.

 

A cura di Federica Calvo

Commenti su Facebook
SHARE