E’ gennaio e dopo la pausa natalizia il mercoledì del Tambourine di Seregno torna ad accendersi con il Pending Lips, la serata dedicata agli artisti emergenti di tutto il territorio lombardo, per questa eliminatoria vi parliamo dei RAEE che si sono nettamente distinti dagli altri concorrenti per la proposta che hanno portato sul palco, niente che riguardi il classico live acustico.

Dalla formazione voce, basso, tastiera e voce i RAEE vengono dalla periferia nord di Milano e nonostante siano tutti giovanissimi non hanno paura di sperimentare e mischiare più generi musicali contaminandosi e assumendo quella che si potrebbe definire alla fine un’impronta rock psichedelica. Su Bandcamp è uscito da poco il loro Ep dal titolo omonimo al nome della band, otto tracce malinconiche, morbide, graffianti e davvero interessanti che a tratti fanno ricordare i Radiohead. I synth e la voce profonda di Nicola dipingono scenari astratti, colorati, confusi e disorientanti che si sposano bene con l’acronimo che portano sulle spalle: Rifiuti Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.

I ragazzi di Sesto San Giovanni che provano nelle spore, nella muffa e nella polvere hanno appena iniziato il viaggio e il percorso è ancora tutto da fare ma intanto ci auguriamo di poterne sentire ancora parlare perché meritano di essere approfonditi.

 

A cura di Federica Calvo

Commenti su Facebook
SHARE