Patologie da Serie Tv: Modern Family

660

Dopo cotante e cotali discussioni su cosa sia una famiglia, perché percome e perquando si possono avere figli, noi di Vox non potevamo certo esimerci dall’argomento.

Ti starai chiedendo: qui? Davvero? Pensavo che questa rubrica fosse a basso contenuto intellettuale, ecco perché la leggo tutti i martedì dopo pranzo con l’abbiocco! E infatti non tradiremo la tua fiducia costruita con contanti sforzi.

Ma com’è bella la parola cotanti, ma anche cotali!

Come avrai certo intuito dal titolo parleremo di quell’agglomerato di pregiudizi smontati che è Modern Family. Se sei arrivato fino alla settima stagione – o anche alla quinta, non facciamo discriminazioni – non hai certo perso la voglia dei tuoi venti minuti di pazzia quotidiana, e perché no, vuoi sapere che c’è qualche famiglia più incasinatamente e socialmente pazza della tua.

Ma non indugiamo più con cotanti e cotali preamboli pieni di linguaggio affettato – ma che fame – e andiamo dritto ai sedici punti che solo chi guarda o ha guardato Modern Family non può non aver pensato.

#1 Ooo Mitchel. (Detto con vocina cameroniana). Sentire dire ad un omaccione che potrebbe essere un soprano quelle due parole con voce tanto acuta è come vedere un bull dog abbaiare con la voce di un Chiwawa. Vedere per credere.

#2 Mitchel: non è adatto a fare la parte del gay, dai. Esilino, gracilino, maglioncino e camicina, avvocato.

#3 Ok come non detto: Cameron non è gay, Mitchell lo è. Thug life. Se ancora non lo sapevate, sapevatelo e rimaneteci di stucco! Questo non è un barbatrucco.

#4 la Phil-osophy. IO AMO QUELL’UOMO! Pubblicate quel libro che ne compro una copia! Subito.

#5 Sophie Vergara: che gran pezzo di donna! Chissà che bel mar…-ito che ha. Sì come no.

#6 Manny ti prego, lo dico per te (lo dico per me e la mia sanità mentale) sii più bambino (svegliati fuori) e gioca con i lego (e smettila di essere più noioso di una lezione di filosofia quantistica sulla correlazione delle banane mangiate dalle scimmie del Bengala in un mese). Grazie.

Ah. Bravo che esisti, sei il ragazzino più friendzonato della storia. Che soddisfazioni e quale lunga carriera ti aspetta caro mio.

#7 Phil e il suo animo da Cheerleader. A volte si comprende poco chi sia l’uomo della famiglia. Poi quella volta che finisce due ore in prigione per le multe della figlia ogni dubbio scompare.

#8 la produzione della quinta stagione non poteva prendere bambina più odiosa. La piccola Lily è un concentrato di tenerezza inversamente proporzionale alla magrezza del padre. Del padre più grosso. Insomma abbiamo capito.

#9 Dai Jay ce l’ha fatta! Ha pure un bambino, una casa da urlo, macchina, piscina, una donna che non si sa come abbia fatto a fare innamorare. E vende armadi. No dico: A R M A D I. Di che cosa sono fatti in America? C’è speranza anche per me. Peccato che Marchisio sia già sposato.

#10 Dolce piccola Haily: sorridi, dai che se no svanisce la magia. Ogni giorno in università sempre la stessa storia.

#11 Dolce Haily sorridi e apri la bocca per insegnare a tua sorella quello che da sola lei non potrà mai imparare. E poi richiudila.

#12 Claire: eccezione al teorema delle bionde.

Eccezione al teorema della madri. Forse anche a quello delle moglie ora che ci penso meglio.

#13 Se avessi un figlio che me ne combina anche solo la metà di quelle di quel pestifero lo chiudere in un armadio.

Aspetta, ma io ho un fratello così. Vado a comprare un lucchetto.

#14 Vai Phil! Vai Phil! Vai Phil! (da immaginare con movimento ondulatorio del bacino da destra a sinistra accompagnato dal tipico gesto delle braccio “giro la polenta come se il paiolo avesse un diametro di 2 metri)

#15 Andy: nooo ma sei tu? Certo che ti danno ruoli sempre intelligenti, proprio come in Pitch Perfect ( guardate immediatamente questo film e il suo seguito se volete sopravvivere alla mia ira funesta, ma anche ènesta)

#16 Se nella mia famiglia dovessimo litigare un terzo di quello che fanno loro, probabilmente ci sarebbe una faida aperta e la famiglia dimezzata. O forse no. Ci sarebbe una faida chiusa e metà della famiglia dimezzata. Ma in fondo ci vogliamo bene.

Morale: Vorrei avere una vita all’altezza delle serie tv che guardo.

Un po’ alla flash, misto Modern Family, un pizzico di The Big Bang Theory, un ciuffo di Sense8, una foglia di Fringe, una mescolata con Camera Cafè

Per non perdervi come procede la ricetta della vita perfetta in perfetto stile Vox leggete la puntata della prossima settimana, capre! – ah no questo è un altro paio di pantaloni.

A martedì prossimo.

a cura di Noemi Sudati

Commenti su Facebook
SHARE