The paper Boy #10: la nuova legge sull’audiovisivo

368

Torna l’appuntamento con The paper boy, il settimanale che tiene d’occhio le ultime novità nel panorama cinematografico settima per settimana. 

La novità più interessante di questa settimana è senz’altro l’approvazione alla camera della nuova legge sul cinema. Questa legge molto attesa da tempo, propone “regole trasparenti e più risorse per film, sale e giovani”. Lo scopo è quello di “ridefinire la disciplina relativa al cinema e all’audiovisivo, a fini di rilancio e di sviluppo di un settore strategico dal punto di vista culturale e sociale, ma anche economico”, si legge sul sito della Camera. “Si tratta di una riforma attesa da oltre cinquant’anni e ben preparata nei lavori della commissione Cultura al Senato – ha dichiarato Franceschini, Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, principale protagonista di questa legge – che prevede la creazione di un fondo completamente autonomo per il sostegno dell’industria cinematografica e audiovisiva e pone fine alla discrezionalità”.

Parte della legge prevede:

 +60% di investimenti e autofinanziamento. Il fondo “è alimentato, sul modello francese (halleluja!), direttamente dagli introiti erariali già derivanti dalle attività di programmazione e trasmissione televisiva; distribuzione cinematografica; proiezione cinematografica; erogazione di servizi di accesso ad internet da parte delle imprese telefoniche e di telecomunicazione. A decorrere dal 2017, l’11% del gettito Ires e Iva di questi settori costituirà la base di calcolo delle risorse statali destinate al finanziamento del Cinema e dell’audiovisivo: il nuovo fondo non potrà mai scendere sotto i 400 milioni di euro annui”.

Sostegno ai giovani autori con contributi per favorire nuove produzioni e ulteriori investimenti in caso di ottimi risultati economici. Fino al 18% del nuovo Fondo Cinema “è dedicato ogni anno al sostegno di opere prime e seconde, giovani autori, start-up, piccole sale, festival e rassegne di qualità, attività di Biennale di Venezia, Istituto Luce Cinecittà e Centro sperimentale di cinematografia”.

Digitalizzazione e cinema nelle scuole. Il 3% del fondo Cinema è “riservato ad azioni di potenziamento delle competenze cinematografiche ed audiovisive degli studenti, sulla base di linee di intervento concordate dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con il Ministero dell’istruzione e della ricerca scientifica”.

Sparisce la censura di Stato. Non ci sarà più una commissione ministeriale a valutare quali film riceveranno finanziamenti pubblici, i contributi verranno forniti dallo Stato sulla base di parametri oggettivi e ciò responsabilizza produttori e distributori come già succede in altre cinematografie.

Dal 1 al 3 novembre si è svolta a Milano presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema la rassegna CINEMATOGRA-FO. IL CINEMA DI DARIO FO., rassegna dedicata al grande autore scomparso il 13 ottobre. L’omaggio al maestro si è composto in sette film quali Lo svitato (1956) di Carlo Lizzani, Scuola elementare (1954) di Alberto Lattuada, dove il drammaturgo ha recitato in piccoli ruoli e anche Johan Padan a la descoverta de le Americhe (2002) di Giulio Cingoli tratto dall’omonimo testo teatrale di Fo. Ospite speciale è stato Felice Cappa, giornalista, autore televisivo, regista che è stato autore e regista di molti progetti e dei lavori di Dario Fo, che ha tenuto un incontro con il pubblico ricordando il tempo passato con il grande artista.

a cura di Antonio Mancina

 

Commenti su Facebook
SHARE