Nella marea di epigoni e di artisti sempre più simili a se stessi che popolano le classifiche indie, è veramente una boccata d’aria fresca vedere un gruppo di ragazzi non ancora maggiorenni farsi largo in scena con un sound proprio, fatto di influenze britpop e note di synth rock.

The Strikes sono un gruppo di Piacenza, nato nel 2016 e composto da Joe Croci (chitarra e voce), Criss Pinieri (chitarra), Jack Mondina (batteria) e Tom Guglielmetti (basso). Il loro ultimo singolo Be More”, uscito il 1° giugno, ha tutte le caratteristiche per essere molto più che un semplice biglietto da visita della band a un pubblico più ampio: il pezzo è decisamente radio-friendly e basta farsi un giro sui loro canali social e dare un’occhiata ai commenti per capire che, nonostante la loro recente formazione e la giovanissima età dei componenti, i The Strikes hanno decisamente il loro perché. Certo, il loro suono è ancora estremamente grezzo ma questo pare essere più una conseguenza del fatto che sia il singolo sia il precedente EP Emergency Frequency siano interamente autoprodotti, il che sembra anche confermare il potenziale della band e la possibilità di riuscire a tirar fuori qualcosa di molto concreto da un gruppo così giovane.

Nonostante l’inesperienza, i The Strikes si sono già presentati su un paio di palchi importanti: dalla partecipazione a The Voice of Italy del frontman Joe Croci, al Fiat Music tour nel 2016 fino ad arrivare ad aprire per i Placebo al Collisioni Festival nel 2017 davanti a più di 12.000 spettatori.

La citazione di Noisy Road “come se gli Arctic Monkeys fossero nati a Piacenza” campeggia fiera sulla bio della band. Il paragone pare un po’ prematuro soprattutto per la mancanza dell’assurda versatilità di cui è capace il gruppo di Sheffield. PiuttostoThe Strikes sembrano essere molto più vicini ai The 1975 degli esordi: molta angoscia da teenager, primi video classici da garage band e un singolo dal flare pop-rock che tutti hanno ascoltato almeno una volta nella vita in radio.

Per saperne di più su The Strikes:

Spotify
Facebook 
Instagram

 

A cura di Francesco Maccarrone

Commenti su Facebook
SHARE