Milanese al 100% (sì, non sono creature mitologiche, esistono davvero), Marco, in arte Saffelli, è uno di quegli artisti che finiscono sulle playlist al primo ascolto.

Sebbene su spotify ci siano solo una manciata di singoli, tra i quali Verve in collaborazione con I Miei Migliori Complimenti e AMSA ( uscito venerdì 11), lo stile di Saffelli vanta una caratteristica che pochi hanno: rimane impresso, già dal primo ascolto e le sue immagini vengono assimilate fino a diventare nostre.

I suoi brani sono piccoli racconti fatti di immagini, che creano microcosmi a sè stanti e le sonorità riportano a galla ricordi.
Saffelli racconta giorni e notti, amicizie e amori, estati che finiscono e malinconia con la semplicità che è, indubbiamente, il punto forte della sua musica.

Saffelli è uno di quegli artisti che piacciono anche alle vostre madri, uno di quelli che non sfigura in una playlist da viaggio on the road, come in una da ascoltare da soli in cameretta, in diffusione.

In un momento in cui tutti cercano disperatamente l’indie perduto, Marco va al contrario e fa musica quasi pop, ma in maniera intelligente, svincolandosi dal cantautorato impegnato tanto quanto dal mainstream, per dare a chi ascolta qualcosa di sospeso tra quello che si vuole ascoltare e quello che non ci si aspetta.

Da ascoltare perché, sebbene ancora agli esordi, è una promessa già mantenuta, inoltre avendolo nella playlist potrete sfoggiare una sapiente ricerca delle novità ogni volta che metterete la vostra playlist in presenza di amici; perché il suo 2018 sarà pieno di singoli e perché è bravo.

Tracce:

  1. Thè
  2. Verve (ft. I Miei Migliori Complimenti)
  3. Corso Indipendenza
  4. Bagni Italia
  5. Amsa

 

a cura di Mariarita Colicchio

Commenti su Facebook
SHARE