Biografia: George Zisa, 24 anni all’anagrafe, di origini italiane e neozelandesi, ha iniziato ad avvicinarsi alla musica all’età di 14 anni, inizialmente suonando la batteria in una band, spaziando tra diversi generi. Dopodiché ha incominciato a suonare anche in solo, con la chitarra, a studiare canto e da un anno a questa parte scrive suoi pezzi, prettamente in lingua inglese, prediligendo lo stile acustico chitarra\voce.

La sua voce, pulita e potente, si muove con grande facilità tra i registri medio-acuti, e il tutto si sposa perfettamente con la chitarra e i suoi brani melodici, che ti conquistano dalle primissime note e che ti rimangono subito in testa. I suoi pezzi parlano generalmente di viaggi, amori e di come queste due dimensioni spesso si intersechino nel bene e nel male. Attualmente non ha nulla di registrato, ma nei suoi progetti futuri vi è il desiderio di incidere un Ep, crearsi una pagina Facebook e il sogno i farsi un’esperienza all’estero, come suonare in giro per l’europa usando solo i soldi che guadagna suonando.

Tra gli artisti che lo hanno maggiormente influenzato vi sono: i The 1975, Angus e Julia Stone, Ed Sheehan. Più generalmente parlando, le decadi musicali che predilige sono gli anni 80 e 90.

George ha vinto il premio della critica al TalentOne, primo talent organizzato dall’associazione One Youth Ambassador italia (The ONE Campaign è un’organizzazione che promuove la lotta contro la povertà estrema e le malattie prevenibili, soprattutto in Africa, per maggiori info), tenutasi all’Ostello Bello di Milano il 28 gennaio. Lì ha presentato due suoi inediti, San Juniper e Norway (As Always).

Qui sotto vi lasciamo in allegato un suo video mentre canta un altro suo brano, Sparks, canzone d’amore con un finale amaro. Buon ascolto!

A cura di Giulia Lansarotti

 

Commenti su Facebook
SHARE