Neapolitan Novels: Elena Ferrante sullo schermo

176

Lila , Lenù, Nino Sarratore e tutti i personaggi che i lettori di Elena Ferrante hanno immaginato nella loro mente, potrebbero presto apparire in carne ed ossa, sul set di una serie televisiva.

È infatti di pochi giorni fa l’annuncio, che fa seguito alle voci circolate già alla fine del 2016, dell’inizio dei casting per la trasposizione televisiva della quadrilogia de L’amica geniale, pubblicata dalla casa editrice romana E/O.

Secondo le prime indiscrezioni, la serie tv prodotta da Fandango e Wildside dovrebbe consistere  in quattro stagioni da otto puntate ciascuna, sulla falsa riga dell sviluppo leltterario della vicenda, che segue le sorti di due amiche, Elena e Lila, che vivono un legame forte, fatto di affetto e rivalità, in una Napoli di metà novecento, vivace e piena di contrasti, proprio come il rapporto tra le due protagoniste.

La sceneggiatura sarà firmata dallo scrittore Francesco Piccolo, che già in diverse occasioni ha lavorato a progetti finanziati dal produttore Domenico Procacci, tra cui l’ultimo lavoro di Nanni Moretti Mia Madre. Per la regia è stato invece scelto Saverio Costanzo, che si è già cimentato in progetti di trasposizione sullo schermo di opere letterarie. A lui l’arduo compito di mettere in scena la vivacità degli ambienti, il flusso quasi ipnotico della narrazione, il vortice di personaggi minori e relazioni e avvenimenti che hanno reso un caso letterario in Italia  e nel mondo.

L’uscita della serie è prevista per l’autunno del 2018, e noi di Vox abbiamo già messo un post it sul calendario.

A cura di Bianca Maria Cuttica

Commenti su Facebook
SHARE