Il giovedì sul divano: Midnight in Paris

376

Buon giovedì popolo del divano! Per quanti di voi stasera non hanno alcuna voglia di pensare allo spirito natalizio, abbiamo il film adatto per passare questa serata di vacanza in assoluto relax: Midnight in Paris.

Regole per la visione:

 1: create attorno a voi un’atmosfera assolutamente parigina. Vino, baguette, fate voi, ma non perdetevi la possibilità di far parte del film.

2: Preparate Shazam per il riconoscimento delle colonne sonore, alla fine del film vorrete riascoltarle tutte.

Citazione Preferita:

Compito dell’artista non è di soccombere alla disperazione, ma di trovare un antidoto per la futilità dell’esistenza.

Gert

Midnight in Paris è uno di quei film che ha diviso gli amanti di Woody Allen. Per alcuni non ha saputo reggere il confronto con i suoi più grandi lavori come Manhattan, per altri è stato un capolavoro assoluto.

Concordiamo con entrambi ma riconosciamo cosa abbia tanto colpito i secondi.

Il film, infatti, è costruito ad hoc per catturare lo spettatore e trasportarlo prima in una splendida Parigi dei giorni nostri e poi in una Parigi anni 20 che seduce noi quanto il protagonista, Gil.

Gil è uno sceneggiatore  di successo hollywoodiano, irrimediabilmente innamorato di Parigi e di tutto ciò che essa  rappresenta. Arriva nella città delle luci proprio per trovare l’ispirazione per il suo primo romanzo.

E la troverà grazie all’incontro con i più grandi artisti e autori degli anni…’20.

Non vi sveliamo altro, godetevi il film.

Appuntamento a giovedì prossimo, stesso giornale, stesso divano, il vostro.

a cura di Caterina Palazzo

Commenti su Facebook
SHARE