MAUDIT @ LINOLEUM: LIVE REPORT

557

A cura di Eleonora Puglisi

Un venerdì sera diverso dal tran tran quotidiano è proprio quello che il Linoleum -Rock and Roll- offre.

Oltre al rustico e tanto caro gusto ribelle, da anche la possibilità di gustarsi un pò di buona musica nuova, frutto del magistrale lavoro  delle band emergenti che ivi possono cimentarsi col pubblico vero.
É proprio qui che i Maudit, la band più bisbigliata degli ultimi mesi, si esibisce.
Gruppo compatto e molto amato dai fan della prima ora, riesce a coinvolgere il pubblico grazie all’esuberanza del cantante, un moderno menestrello che vive i testi che canta, portandoli quasi in vita. Ribadisco il quasi poiché senza musica non renderemmo giustizia al messaggio che traspare dai testi stessi.
Alternando brani storici e nuove creazioni, omaggiano la città in cui si sono incontrati e che ha reso possibile la loro crescita musicale, denunciano il mondo sfrenato e pazzo che ci tramuta in bestie spesso cattive per necessità, ci ricordano che anche il più dolce dei nomi, Juiliet, può nascondere mortali insidie.
Non resta che aspettare i tempi migliori, quando finalmente potremo gustarci il loro album di debutto.

Commenti su Facebook