Più o meno un anno fa in un momento di scroll brutale e annoiato incrociai quasi per sbaglio su KEXP una diretta dall’Iceland Airwaves Festival che trasmetteva il live dei Mammut.

Uno strano connubio di Bjork, Massive Attack e pop psichedelico, declinato tutto a modo loro, che mi ha rapito molto facilmente: vederli nel programma del Serraglio è stato un grande piacere.
Vista la (purtroppo) poca affluenza il locale ha optato per una situazione più intima con tappeti, tavoli e sedie, col senno di poi molto riuscita. Senza nemmeno pensarci mi catapulto davanti e piazzo il mio puff per terra e già così la pace dei sensi è vicina.
Sarà il cambio dell’ora o il poco sonno del weekend ma godersi un concerto così da sdraiati sorseggiando IPA è stato favoloso.

Senza perdere tempo dopo l’apertura dei Brouen alle 22.30 le tre ragazze e i due ragazzi islandesi sono sul palco.
Ho la fortuna di confermare quelle che finora erano state solo sensazioni da Youtube: il mood che creano è estremamente coinvolgente, semplice ma di un impatto immediato, energico ma sempre attento alla melodia.
Mi sono perdutamente innamorato della bassista ma il palco è tutto di Kata, la cantante, che nel suo modo teatrale ipnotizza il poco ma attento pubblico.
Sussurra, urla, salta e scalcia e la sua voce è incredibile, a tratti volutamente spezzata: magnetica.

Tra una canzone e l’altra parlano poco, non si concedono grandi discorsi, ma il concerto procede a gonfie vele e dopo Salt e la più recente Believe chiudono con Kinder Version (nametrack del loro ultimo lavoro) dove Kata canta “Have you been excited?”, come a interrogare ognuno dei presenti.
Richiamati per un bis, regalano una bellissima We tried love con un finale paradisiaco che mi fa sprofondare contento e soddisfatto nel mio cuscino blu.
Non ho conquistato la bassista, ma è un buon motivo per migliorare il mio inglese.
Torneranno, mi promettono, e spero che la prossima volta trovino il pubblico che li merita.

A cura di Giovanni Pedersini
Photocredits: Fabio Copeta

Commenti su Facebook
SHARE