Estate, tempo di vacanze. In questo appuntamento da villeggiatura rivoluzioneremo la rubrica: invece di recensire i film, recensiremo tre luoghi ottimi per una vacanza rigenerante che sono stati al centro di tre pellicole appartenenti a generi diversi.

In Bruges di Martin McDonagh 

Location: Bruges, Belgio – Genere: Commedia nera 

In un bellissimo borgo medioevale belga, un luogo di pace e tranquillità si trovano catapultati due killer professionisti, Ray e Ken che non capiscono come mai il loro capo li abbia spediti lì: l’unica cosa certa è che la quiete a Bruges non è destinata a permanere. Da segnalare come l’hotel caratteristico in cui soggiornano i due assassini sarà oggetto di una sparatoria: non il massimo del servizio per un conto un po’ salato.

Suspiria di Dario Argento

Lochescion: Friburgo, Germania – Genere: Horror

Coloro che prediligono la montagna conosceranno la suggestiva magione, immersa nella Foresta Nera a Friburgo in Germania che ospita la scuola di danza di Madame Blanch, all’apparenza una padrona di casa accogliente, dove la giovane studentessa Susy Benner ha appena cominciato i suoi studi. Da rivedere il servizio, oggetto di critiche da parte di alcune studentesse che lo reputano oggetto di dimora di presenze oscure e il menù di cui è meglio controllare gli ingredienti.

Loro di Paolo Sorrentino

Lochescion: Olbia, Sardegna – Genere: Dramma biografico

Chi invece preferisce il mare desidera le coste della Sardegna, in cui d’estate soggiorna pure Silvio Berlusconi nella sua villa Certosa: una lochescion barocca che nel film di Sorrentino vede l’ex premier in piena depressione tra crisi coniugale, crisi politica e arrivisti che vorrebbero prendere il suo posto o solo avvicinarsi alla sua corte. Un menù variopinto e con varie attrazioni, tra le quali un’attività in moto d’acqua in acque cristalline, magari con Domenica bestiale di Fabio Concato in sottofondo. Ma attenzione al conto

A cura di Fabio Facciano

Commenti su Facebook
SHARE