Il giovedì sul divano: I Love Radio Rock

1319

A cura di Caterina Palazzo

Il film di questa settimana è un capolavoro di Richard Curtis di cui si parla troppo poco: I love radio rock!

Regole per la visione:

  1. Invitate i vostri amici, vi serviranno compagni per scatenarvi.
  2. Vestitevi comodi, vi risulterà difficile non ballare.
  3. Cacciate i coinquilini bigotti. Oppure costringeteli a questa sana rieducazione.
  4. Qualora non fossi stata chiara: ballate!!!

Citazione preferita:

“Perché se spari muore qualcuno, se sganci una bomba muoiono in tanti, se picchi una donna muore l’amore, ma se dici un bel “Vaffa” non succede niente di male…”

(il Conte)

Il film è ambientato nel 1966, quando nel mondo ardeva la sacra fiamma del rock ‘n’ roll. L’Inghilterra istituzionale sembrava però non voler accettare la rivoluzione musicale. Storicamente, a portare il rock nelle case e nelle strade furono le radio pirata, come radio Caroline, a cui si ispira liberamente la Radio rock del nostro film.

Tutto ciò che vedrete in questo film vi farà pentire di non essere nati in quegli anni : i Beatles erano all’apice del loro successo e si pensava davvero che la musica e i sogni  avrebbero cambiato il mondo.

Ogni personaggio presente sulla nave sarà indimenticabile e d’ispirazione per ognuno di voi, per la determinatezza, il coraggio o semplicemente per lo stile o ….il silenzio.

Per 130 minuti sarete degli Hippie in totale adorazione della musica, dei vestiti e scandalizzati dall’inettitudine del governo inglese pronto a chiudere la radio perché contro la libertà che essa rappresenta.

Lasciatevi ispirare: la felicità esiste e  questo film lo dimostra. Recuperiamo quella speranza, quel coraggio e anche quella rabbia che fecero grandi gli anni ’60 e ’70.

 

Commenti su Facebook
SHARE