New Artist: Henry Beckett

534

Questa settimana abbiamo un New Artist d’onore: si chiama Henry Beckett e suona questa sera alla Folk enotecheria di Milano per i nostri amici di Astarte Booking.

Biografia: Henry Beckett (all’anagrafe Raffaele Volpi) è un giovane cantautore della scena musicale milanese classe ’93. Fin da bambino, grazie all’amore del padre per artisti quali Dire Straits, Eagles e Peter Gabriel, si è sempre trovato immerso nella musica, prendendo in mano la sua prima chitarra all’età di 15 anni. Sarà la scoperta di Ryan Adams a travolgerlo completamente dal punto di vista artistico. Passando le notti ad ascoltare la sua discografia e iniziando ad appassionarsi anche a Neil Young, l’impulso di cantare su quelle melodie americane diventa irresistibile e da lì a poco nasce il desiderio di comporre dei propri brani inediti scrivendo a 17 anni i primi testi, senza poi più fermarsi. Il nome d’arte straniero Henry Beckett – in sintonia con il suo repertorio esclusivamente in lingua inglese – deriva dal nome del padre Enrico, da cui ha ereditato la passione per la musica e per un genere legato sia al country che al rock, e dalla letteratura, riferendosi al drammaturgo Samuel Beckett. Questo per via del tema dell’attesa ritrovabile in Waiting for Godot, opera che Henry legge durante gli anni del liceo e a cui si sente particolarmente legato.

Il genere musicale di Henry Beckett spazia tra il rock e l’alternative country con chiare contaminazioni di sonorità oltreoceano. All’ascolto è facile passare dal sentirsi cullati da una melodiosa ballad al sentirsi accesi da suoni più graffianti propri di un rock tanto moderno e fresco, quanto legato al passato, arricchiti da una voce calda e intensa, estremamente personale e intima, che desidera raggiungere l’ascolto di un pubblico altrettanto sensibile.

Link:

henrybeckettofficial@gmail.com
Facebook
Instagram

Commenti su Facebook
SHARE