Il giovedì sul divano: A qualcuno piace caldo

253

Buon giovedì voxiani,

Oggi vi suggeriamo un film che deve obbligatoriamente rientrare nella vostra videoteca personale.

Stiamo parlando di una delle migliori commedie americane di sempre; una commedia girata in anni in cui il doppio senso e l’allusione dovevano fare il grosso del lavoro per far ridere il pubblico.

Stiamo ovviamente parlando di “A qualcuno piace caldo”, film del 1959, regia di Billy Wilder, con  Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon.

Regole:

  1. godetevi questo film indossando qualcosa di comodo. Ad esempio un vestito, dei collant velati e un paio di tacchi. (ovviamente mi sto rivolgendo al pubblico maschile)
  2. per tutte le donne: ponete particolare attenzione ai fianchi di Marilyn Monroe, magari così vi farete passare le ossessioni riguardo la magrezza.
  3. Fate cadere un po’ di pregiudizi, il signor Osgood Fielding II ci era riuscito già molti anni fa. In fondo: l’amore è amore!

Dialogo preferito:

– Joe: Vuol dire che suona quella musica moderna, il jazz?

– Sugar Kane: Già, il jazz caldo.

– Joe: Ah beh, a qualcuno piace caldo… Personalmente io preferisco il classico.

 

Chicago, 1929: nell’anno della grande crisi economica americana  due musicisti Joe e Jerry, rispettivamente sassofonista e violoncellista, sono alla disperata ricerca di un ingaggio. Quando finalmente riescono a trovarne uno, la fortuna torna a voltar loro le spalle facendogli assistere all’uccisione di sette gangster da parte di una banda rivale. (fatto realmente accaduto il 14 febbraio 1929 e per questo chiamata: Strage di San Valentino)

Per questo  motivo sono costretti ad abbandonare Chicago, e l’unico modo che hanno per farlo è unendosi ad un’orchestra femminile diretta verso la Florida.

Riescono ad ovviare all’unico inconveniente che impediva loro di far parte di un’orchestra femminile con:  trucco, tacchi e fil di perle.

Insomma, gli elementi per una classica commedia ci sono tutti, quelli che l’hanno resa grandiosa, invece, li lasciamo scoprire a voi.

A giovedì prossimo!

a cura di Caterina Palazzo

Commenti su Facebook
SHARE