Il giovedì sul divano: La famiglia di omicidi

334

Buon giovedì voxiani, siamo nel bel mezzo di febbraio e cosa c’è di meglio di una black comedy per questo splendido periodo dell’anno? Oggi, infatti, vi proponiamo una chicca d’oltremanica avente come protagonisti: Rowan Atkinson, Kristin Scott Thomas e l’adorabile Maggie Smith. Stiamo parlando della “Famiglia omicidi”, film del 2005 del regista Niall Johnson.

Regole: 1 Evitate di prendere ispirazione da questo film per instaurare un rapporto madre-figlia, davvero, non ne ricavereste molti benefici. 2 Tutti nella vita abbiamo dei problemi, piccoli o grandi che siano, ma il metodo di Grace (Maggie Smith),per trovare una soluzione, ha diverse controindicazioni abbastanza fastidiose. 3 Imparate il bello dell’ironia che spesso circonda cose che vi capitano, imparate a ridere di più di voi stessi e a prendere la vita meno sul serio.

Dialogo preferito: Gloria: Non può andare in giro ad uccidere le persone solo perché non le approva! Grace: Sai, è questo quello che mi dicevano sempre i medici. Era l’unico punto sul quale non siamo mai andati d’accordo…

Il film si apre con l’arresto di una giovane donna per l’omicidio di suo marito e della sua amante. La storia riprenderà svariati anni dopo, raccontandoci della crisi presente all’interno della famiglia Goodfellow. Il reverendo Walter Goodfellow (Atkinson) è molto preoccupato per un discorso che deve tenere ad un convegno liturgico e questo gli impedisce di vedere tutti i problemi presenti nella sua casa. Gloria (Thomas), sua moglie, si sente ignorata e pensa di scappare con il suo insegnante di golf, sua figlia non riesce a mantenere una relazione stabile e suo figlio è vittima dei bulli della sua scuola. Tutto, però, sembra trovare una soluzione dopo l’arrivo della simpatica, quanto sinistra, governante Grace (Smith). Sebbene con metodi poco ortodossi, questo personaggio, ricorderà ai membri della famiglia come rendersi felici l’un l’altro.

Mi raccomando siate felici anche voi!

A giovedì prossimo!

a cura di Caterina Palazzo

Commenti su Facebook
SHARE