Game of Thrones 6: il teaser dai Mille Volti

388

Alle 20.59 del 14 febbraio –mentre noi italiani dormivamo sonni profondi- HBO ha rilasciato il primo teaser della sesta stagione di Game Of Thrones, che avrà inizio il 24 aprile. Questa stagione è senza ombra di dubbio la più attesa, perché i libri pubblicati da G. Martin sono stati raggiunti nello svolgimento dei fatti dalla serie tv. Questo sta ponendo le basi per un’isteria collettiva che vedrà lettori e non lettori ugualmente ignari e vulnerabili davanti a future morti, incesti, intrighi e soprattutto spoiler. Il teaser, che si distingue da un trailer per la ridotta durata, era stato annunciato dall’emittente statunitense nelle ore precedenti e infatti era l’avvenimento che più attendevo della giornata di ieri:

Immagine

Detto ciò, in casa HBO le cose stanno iniziando a farsi serie in fatto di hype, come aveva già fatto intendere l’uscita di alcune foto dal set durante la scorsa settimana. Si sono visti diversi personaggi in diverse situazioni. E per gli standard di Martin e D&D già solo aver la possibilità di vedere dei personaggi vivi fa volare la nostra fantasia nelle più alte sfere dell’iperuranio. Dalle foto, sappiamo che Theon e Sansa (amorini) hanno superato indenni il salto nel vuoto durante la fuga da Grande Inverno, controllata dai Bolton (il mio cuore sanguina). Abbiamo visto Arya acciecata mentre il suo percorso nella casa del Bianco e del Nero continua. Infine, abbiamo rivisto Bran, dopo che nella quinta stagione la sua storyline era stata messa momentaneamente in pausa: tenete d’occhio questo ragazzo del Nord perché si rivelerà essere molto importante.

game_of_thrones_6

Ma ora, il teaser. In fatto di utilità, è praticamente irrilevante, in fatto di intenti abbiamo colto il messaggio: tutti sono a rischio, nessuno è al sicuro dal Dio dei Mille volti. Preparatevi.

Siamo nella Casa del Bianco del Nero, a Braavos. Vediamo i volti di alcuni personaggi che sappiamo essere morti (Ned, Robb , Cat, Joffrey) e sentiamo le loro voci “The man who passes the sentence should swing the sword” (lacrime). Subito dopo, vediamo Jon. Ecco, è fatta, ci stanno dicendo che è morto. No, con calma. Subito dopo vediamo Tyrion, Sansa, Daenerys. Insomma, vediamo tutti. Nessuno è al sicuro.

A cura Francesca Bonfanti 

Commenti su Facebook
SHARE