Feelm: consigli per l’estate

364

CHI SIAMO? DA DOVE VENIAMO? Ma soprattutto, PERCHE’ D’ESTATE SE ACCENDO LA TV VEDO SOLO REPLICHE DI DON MATTEO?

Queste sono le domande fondamentali che l’uomo si è sempre posto fin dall’alba dei tempi.
Da sempre d’estate l’homo sedentarius, si ritrova a passare i pomeriggi o le sere su un divano a morir di caldo mentre il suo fondoschiena diventa tutt’uno con il triclinio moderno del salotto.
Da sempre quest’uomo ozioso di conoscenza nel periodo estivo, ripudia il museo, la piazza, la mostra o qualsivoglia dimostrazione di cultura che richieda più 5 passi dal suo caldo sofà.
Allora, quest’uomo si accinge ad accendere la televisione sperando in qualche film che lo coccoli nel suo caliente relax estivo. Ma è qui che scopre l’inganno, la cruda verità: CI SONO SOLO FILM DI MERDA IN TELEVISIONE!

L’uomo è da anni che cerca soluzione a questo problema, ma noi di VOX, per il popolo e con il popolo e blablabla, dopo anni di ricerche ed approfondimenti siamo arrivati alla nostra conclusione, stilando la nostra programmazione estiva per salvarvi dai pericoli che si celano nel guardano un teen movie alle 2 di pomeriggio!

  • The Bourne Trilogy (i primi 3 film con Matt Damon)

È una delle trilogie più godibile che si possano trovare in giro rimanendo sempre molto semplici nell’atto. Non richiede grosso sforzo da parte di chi lo guarda, pur avendo dei colpi di scena e delle situazioni, dovute anche al genere ( parte come una delle spy story più classiche per poi diventare più moderna), che ti possono sorprendere, qualcuno potrà dire che è stereotipato o prevedibile, ma sono i primi film che consiglio per godibilità e intrattenimento senza pensare troppo.
E POI CI SONO I PESTONI! GGENTE CHE SI PESTA! PISTOLE! PEW,PEW!
E stranamente niente contrabbandieri colombiani, però c’è un cameo de NAPULI, O’BABA O’ VESUVIO, A TAZZURIELLA E CAFFÈ (caffè? KAFFÈÈÈ).

  • La Stangata

Chi non conosce “La stangata”? Una grande sceneggiatura di Ward, per questo film del 1973 di George Hill, che dopo Butch Cassidy assolda nuovamente Paul Newman e Robert Redford per sfornare un film che ha fatto la storia del cinema. Commedia d’azione ambientata nella Chicago dei gangster degli anni ’30, vede i due protagonisti organizzare una colossale truffa ai danni del re della malavita del tempo, vince 7 oscar e resta tutt’ora uno dei più godili è di cinema vecchio stampo!

  • La Finestra sul Cortile

Alfred Hitchcock al pieno della sua maturazione artistica; oltre alla magnifica intuizione nella scelta del soggetto di Woolrich, il maestro ‘apparecchia’ tutto il profilmico con quella levità e quella accuratezza che solo i grandi cineasti possono avere. Ogni porzione di interno catturata racconta nel dettaglio la situazione, con perfetta sintesi, e in questi mini-set i protagonisti recitano il loro piccolo film. James Stewart in una tra le più valide interpretazioni della sua onorata carriera, costretto sulla sedia a rotelle da un incidente ma nell’invidiabile condizione di avere una devotissima ricchissima fidanzata (Grace Kelly, ndr), un gran scialo di tempo libero e un binocolo puntato su questo microcosmo che è praticamente un open cinema dove in ogni finestra viene rappresentato un genere (la commedia, il romance, il drammatico, ovviamente il giallo). Questa posizione privilegiata è dunque immediatamente assunta anche dallo spettatore, che ne gode grazie all’intrattenimento posto al primo piano da sempre dal Maestro. Diciamo così, io vi consiglio questo film perché ne è la quinta essenza dell’intrattenimento, ma un qualsiasi altro film dell’Alfreduccio de la Londra male.

Io ritorno al mio divano ed al KAFFÈÈÈÈÈÈÈ (scusate il caldo)!
Alla prossima,
Stay Tuned.

A cura di Giacomo Azzolina

Commenti su Facebook
SHARE