ELITA’S DESIGN WEEK FESTIVAL 9: DAY 2

366

A cura di Carolina Fornari

Sneakers fluo e cappellini da baseball sono il leitmotiv della seconda serata del Design Week Festival organizzato da Elita presso il Teatro Franco Parenti in occasione del Fuorisalone. Il tema è ovviamente la musica hip hop!
Intorno alle otto di sera il teatro non è ancora pieno, ma non è affatto un problema: infatti ci permette di aggirarci per le varie esposizioni che contornano la serata. Da una parte l’arpa tecnologica che, ogni volta che suoni una nota, fa comparire su tantissimi piccoli schermi, una serie di video presi da Internet Explorer: l’operazione è una campagna di lancio per il browser ormai da tutti gettato nel dimenticatoio, organizzata da Rethink. Chissà se funzionerà? L’idea è però decisamente interessante. La seconda installazione da non perdere assolutamente è la “sinfonia condivisa”. In una stanzetta circondata da grandi lanterne cinesi e da musica assordante, si trovano tante cartoline con sopra una tastiera: basta scegliere la propria nota, inserire la cartolina in una delle grosse lanterne e la vostra nota diventerà parte di una sinfonia composta da tutti quanti!foto
In questo nostro esplorare, passeggiando tra alcuni dei migliori rapper dello scenario milanese – del calibro di Ghemon, Mistaman, Hyst, E-Green e tanti altri – siamo accompagnati dai dj set di Ad Bourke e The Night Skinny. Il primo mischia la techno all’hip hop in un connubio che ad alcuni potrebbe far storcere il naso, ma che invece è davvero trascinante. Il secondo è invece un produttore hip hop dal suono molto elettronico che ci prepara al pezzo di apertura della serata: Johnny Marsiglia, giovane rapper di Palermo che con le sue rime e il beat di The Night Skinny, trascina tutto il pubblico creando un bellissimo spettacolo, facendosi anche raggiungere sul palco da Ensi e Mecna.
Subito dopo di lui è il turno di Madlib, rapper statunitense dal flow rapido e un beat molto particolare che di sicuro sa come catturarti. A chiudere la serata tocca a Hudson Mohawke che trascina tutto il pubblico con la sua musica dai bassi che a volte stordiscono, ma che ti fanno venire un’incredibile voglia di ballare!
Se si ha voglia di ascoltare buona musica e di passare una serata diversa dal solito, allora le serate di Elita fanno al caso vostro! Noi ci saremo anche stasera. Voi?

Commenti su Facebook