Dente @ Circolo Magnolia (Milano)

429

Sold-out al Circolo Magnolia il 9 novembre per Giuseppe Peveri, meglio conosciuto come Dente. Artista immune alle mode del momento, il cantautore italiano torna a raccontare il sentimento dell’amore nel suo ennesimo esperimento musicale dal titolo Canzoni per metà. La sincerità è il punto di forza di queste canzoni che seppur possono sembrare non compiute a livello tecnico per la loro durata, riescono ad arrivare con una malinconica ironia ai cuori degli ascoltatori. È proprio con il cuore, infatti, che Dente scrive le sue filastrocche, con lo scopo di convertire la delusione amorosa in una passione contrastata da una celata vendetta.

Il Magnolia si riempie velocemente e tutti aspettano l’arrivo di Dente, tuttavia bisogna ancora pazientare dato che ad aprire #Amodente, altro modo di definire il nostro cantautore, è Frisino, eclettico cantautore e rappresentante della scena indie salentina, che accompagnato dalla sola chitarra ottiene gli applausi di un pubblico non molto caloroso inizialmente, riuscendo anche a far intonare il ritornello del suo secondo singolo Lontanissimo, estratto dall’album di esordio Tropico Dei Romantici.

Dopo circa mezz’ora dall’uscita di Frisino, come da programma, e in puntualità, Dente fa la sua comparsa in una illuminazione caratterizzata da una luce predominante blu, provocando una sensazione di misteriosità e pacata cupezza alla sua immagine, anche in riflesso alla canzone d’apertura, l’emozionante Come eravamo noi, riuscendo fin da subito a far vibrare le corde più profonde dell’anima del pubblico, immerso nell’ascolto. Di certo la personalità di Dente non si ferma al sentimentalismo, grazie alla sua finta presunzione teatrale non gli è stato difficile far ridere tutti al Magnolia, vantandosi ad esempio di quanto fossero belle le sue canzoni, o di come dovesse essere traumatica la fine di un suo concerto.

Dente non si limita al suo nuovo album, tanti, infatti, sono i brani del passato proposti, tra questi Invece tu, in cui manifesta tramite un gioco di parole il suo dissenso nei confronti dei talent show, “non mi sono rassegnato a X Factor, come invece hai fatto tu”. Critica o meno, ciò che sicuramente lamenta, è espresso chiaramente in Canzoncina, dove rivolgendosi quindi a un’ipotetica metà, dedicandole una canzoncina, assicura che “tanto non la ascolterà nessuno, perché i cantautori non vendono più”.

Il concerto prosegue e il pubblico non si stanca di questo viaggio tra le emozioni, che talvolta diventano adrenaliniche grazie anche alla band d’eccezione che accompagna Dente nel suo tour, i Plastic Made Sofa.
Le luci si fanno soffuse, cala il silenzio e sul palco rimangono solamente Dente e il pianista, cominciano le note di Baby Building, e subito sono grida di gioia tra i fan, facendo caricare l’atmosfera del Magnolia di una suggestiva intensità.

Ritorna per il bis, ironicamente anticipato, con Appena ti vedo appartenente al nuovo album Canzoni per metà, e infine con la hit dell’album Io tra di noi, Giudizio universatile che regala ai fan l’ultima ondata di emozioni, emozioni che di certo non si sono cancellate usciti dal Magnolia. #Amodente è l’hashtag che meglio lo identifica, difatti non si può far altro che amare qualcuno che riesce a far provare sensazioni così diverse nello stesso momento.

A cura di Riccardo Basilio

Photocredits: Riccardo Basilio

Commenti su Facebook
SHARE