L’amicizia, la complicità, due componenti essenziali della vita, in particolar modo quella dei ragazzi. È proprio questo il tema trattato dallo scrittore israeliano David Grossman nel romanzo del 2000 Qualcuno con cui correre da cui è stato tratto l’anonimo film uscito nel 2006. La corsa contro il tempo è uno dei punti chiave che caratterizzano la storia dei protagonisti Assaf e Tamar, i cui destini si uniranno.

Una perdita, la continua ricerca e la disperazione penetrano come un coltello nelle pagine di Grossman, arrivando dritte al cuore del lettore e catapultandolo nelle vite di questi giovani.

Assaf, ragazzo tranquillo, ma con poca autostima viene travolto come da un turbine e inconsapevolmente coinvolto nella vita di Tamar, ragazza alla disperata ricerca del fratello con cui il suo destino si intreccia inconsapevolmente grazie a Dinka, il cane che unirà per sempre i due giovani e forse il punto di riferimento dell’intero romanzo.

Un romanzo commovente e ricco di suspense, in cui l’amore incondizionato di Tamar per il fratello Shay la spinge a sfidare situazioni molto pericolose, a sfidare l’ignoto della vita inizialmente da sola, e poi spalleggiata da Assaf con cui capisce l’importanza del trovare «qualcuno con cui correre».

 

A cura di Chiara Imarisio

Commenti su Facebook
SHARE