Massimo Pericolo, Speranza e Barracano ad oggi sono a mani basse i rapper più incazzati della scena, e se questo non fosse ancora abbastanza chiaro, ci hanno tenuto a ribadirlo con Criminali, il loro nuovo singolo uscito lo scorso 22 ottobre.

Un testo potentissimo e un beat frenetico a 100 e passa bpm (la cui produzione è stata affidata ca va sans dire alle mani dei fedelissimi Crookers e Nic Sarno) sono le basi per un banger profondo e viscerale, cruento e feroce come Cerbero, il mitologico mostro infernale le cui tre teste fameliche e rabbiose – rappresentate in questo caso dai rispettivi artisti – raccontano una realtà che potrebbe pindaricamente collocarsi quasi a metà fra i Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini e I miserabili di Victor Hugo.
Che poi a separare Brebbia e Caserta ci siano circa 900 km, poco importa. In entrambi i casi infatti la vita è violenta per necessità e condizione, e non per volontà (“Per loro è normale un figlio a vent’anni, se necessario fare un omicidio” / “Non avremmo fatto questo con delle vite normali, quando la vita fotte partorisce criminali”), si è criminali, ma pur sempre con un cuore (“Non siamo senza cuore, anche la rabbia è un’emozione”) e coloro che incarnano il male spesso e volentieri sono gli stessi che dovrebbero fronteggiarlo (“Non so perché un killer guidi una volante”).

È quindi in quest’ottica che quel “Noi ci riprendiamo ciò che ci hanno tolto, ma gli diamo indietro ciò che ci hanno dato” diventa il nucleo centrale di tutto il pezzo: quello di Massimo Pericolo, Speranza e Barracano è infatti un grido di disprezzo contro una società che ha fallito, in cui non esiste possibilità di riscatto e redenzione per chi sbaglia o si trova in condizioni di disagio, e che non ha nulla da offrire se non una rabbia esasperata e dilaniante.
Ed è proprio quella stessa rabbia che i tre ci ridanno indietro in Criminali, ricordandoci anche però che – nonostante tutto – qualche stronzo che in qualche modo proverà a cambiare questo mondo, per fortuna, ci sarà sempre.

A cura di Greta Valicenti

Commenti su Facebook