IL GIUSTIZIERE DELLA NOTTE

Esce nelle sale il nuovo remake firmato Eli Roth: a ben 42 anni di distanza dal primo film della serie, sarà Bruce Willis a vestire i panni del giustiziere notturno. Colpito da un dramma familiare, il suo diventa un caso irrisolto in mezzo al mare di inadempimenti della Polizia di Chicago: ma sarà questa indifferenza da parte delle autorità a dargli la forza di stravolgere la sua vita. Da questo momento, infatti, diventa un paradosso: medico di giorno e giustiziere di notte, pronto a tutto pur di rivendicare la scomparsa della moglie. E tutto questo lascia un semplice quanto complesso interrogativo: è lui quello di cui necessita la giustizia, o solo un’altra faccia della stessa, violenta, medaglia?

 

THE LODGERS

Arriva dall’Irlanda la nuova frontiera dell’horror: scevra di qualsiasi scontatezza, questa pellicola si concentra sulla maledizione che condanna due fratelli, Rachel ed Edward, a seguire pedissequamente le istruzioni contenute in una ninna (non abbandonare mai la casa, non far entrare estranei in casa, non andare a letto dopo la mezzanotte). E così, sul filo della crisi psicologica, sarà la ragazza a cercare un modo per fuggire da un’esistenza soggetta alle forze del male.

 

NOME DI DONNA

Alla luce dei nuovi scandali che hanno colpito Hollywood, dal caso Weinstein alle accuse verso alcuni tra i più famosi attori, non c’è di che sorprendersi da Nome di donna: la regia di Marco Tullio Giordana arriva a dirigere una capace Cristiana Capotondi in un film che, prima di tutto, intende lanciare un forte messaggio. È la storia di una donna che, accettato un lavoro sul quale sembrano incombere più ombre che luci, si trova di fronte ad una pesante situazione di favoritismi, in una clinica per anziani dove nessuno fa qualcosa per nulla. Sarà capace di affrontare questa battaglia? E riuscirà a vincere le riserve delle colleghe, disposte a tacere pur di non perdere il lavoro?

 

A cura di Andrea Tenconi

Commenti su Facebook
SHARE