Il giovedì sul divano: Caccia al ladro

550

Questa settimana due cose ci hanno spinto a suggerirvi questo film: la vendita del castello in cui si svolge parte della storia e il fatto che il 18 sarebbe stato il compleanno di Cary Grant.

Avete già indovinato di che film stiamo parlando? Vabbè, ve lo diciamo noi, è Caccia al ladro!

Regole per la visione:

  1. Guardando Caccia al ladro state attenti ad ogni scena, ad ogni frase, ad ogni sguardo. Parliamo di Hitchcock e sappiamo che si diverte a darci ogni sorta di indizio per risolvere il mistero a cui puntualmente non facciamo caso.
  1. Sud della Francia, abiti eleganti, due tra i più grandi attori di Hollywood , insomma i presupposti per farvi sembrare la vostra vita insignificante ci sono tutti. Voi, però, non disperate, è solo un film.

Citazione preferita:

Ho lo stesso interesse per i gioielli di quanto ne ho per i cani di razza, la poesia moderna e le donne che cercano morbose emozioni, ossia nessuno(John Robie)

Un ladro in pensione, John Robie (Cary Grant) noto come “Il gatto”, viene accusato di una serie di furti avvenuti nel sud della Francia. Sostenendo la propria innocenza, si mette alla ricerca del suo imitatore. Per trovarlo si servirà dell’aiuto di un assicuratore che deve tutelare gli interessi della sua compagnia, di Frances Stevens, una ricca ereditiera americana (Grace Kelly) e di sua madre.

 La storia si svolge nella splendida cornice della Costa Azzurra, che nel 1956  contribuì a far vincere l’Oscar a Robert Burks per la fotografia.

 Tra sospetti, amori, ironia e vecchi rancori, si svolge questo thriller squisitamente hitchcockiano che mette d’accordo più o meno tutti noi cinefili e che vi garantirà un ottima serata sul vostro divano.

Per questa settimana è tutto, ci vediamo giovedì prossimo, con un nuovo film e la vostra redazione preferita.

A cura di Caterina Palazzo

Commenti su Facebook
SHARE