BOOMBOX MEETS…ELTON NOVARA

562

A cura di Francesca Bonfanti

Prima della sua esibizione durante la serata del venerdì firmata Linoleum al Rock ‘N’ Roll di Milano abbiamo avuto il piacere di fare due chiacchiere con Elton Novara.

Come è nato questo progetto e perché il nome Elton Novara? 

Il progetto nasce in camera mia da un registratore digitale a 4 tracce; scrivo e registro canzoni assurde che nessuno vuole suonare con me. Due amici mossi a pietà imparano un pugno di mie canzoni e facciamo delle prove. Arriva un primo ingaggio, per timidezza sul palco dico di essere lo spregiudicato Elton Novara, nome senza significato che mi faceva ridere per il suo suono da cantante di balera. Un concerto tira l’altro, dopo qualche mese lo pseudonimo e la sua personalità prendono il sopravvento. I concerti cominciano ad essere “di Elton Novara”.

Abbiamo visto che sei molto attivo su Fb e che ti piace raccontare aneddoti personali rendendoli vere e proprie storie. In un post, ricordando la prima volta che suonasti al Rock’n roll hai parlato di “germi dell’eltonnovarismo”, quali sarebbero? Cosa ti contraddistingue?

I “germi” sono: voglia di provocare quasi fine a sé stessa (QUASI), tagli di capelli orribili ed arrangiamenti fuori moda; nomi assurdi, verbi sbagliati e balli sgraziato. La voglia di non essere superflui.
Mi contraddistingue il fatto di essere uno spiantato capace di sentirsi fuori luogo pure in camera sua. Sono rancoroso e spaventato, per questo mi piace far ridere chi mi ascolta.

Parlaci del tuo ultimo album. Che significato ha per te?

Il mio ultimo lavoro (il primo lp) è una sorta di raccolta di singoli, una somma di quello che sono in grado di fare in tre minuti e mezzo. Il produttore l’ha voluto così ed io ne sono felice; è un disco senza macchia e senza paura, credo identifichi bene le mie gigantesche difficoltà nel rapportarmi al cosi detto “mondo reale”. Non ha la pretesa di rendersi portavoce di niente e nessuno e lo trovo audace per questo. E poi ci sono dentro un sacco di parolacce tipo “merda” e “puttana”.

Progetti per il futuro?

Nel prossimo futuro continuerò a promuovere dal vivo l”album con la mia sfavillante band; è inoltre prevista la stampa del medesimo in una edizione speciale con allegato un fumetto realizzato dal geniale Gianfranco Enrietto. Sto scrivendo molto materiale e non vedo l’ora di tornare in studio.
E poi voglio mangiare la pizza tutti i giorni.

Commenti su Facebook