#U30: I RAGAZZI DI VIDEOGAMES PARTY

981

A cura di Giacomo Azzolina

Abbiamo intervistato i ragazzi di Videogames Party, un gruppo itinerante di giovani che stanno ormai creando attorno una folta community, come si può notare dagli ultimi eventi da loro creati. Vi ricordate l’ultima volta che avete partecipato ad un torneo di FIFA o MARIO KART con i vostri amici? Sì? Bene! Vox per voi ha incontrato lo staff di uno dei più grandi organizzatori di questi tornei ed eventi.

Per chi ancora non vi conosce, cosa sono i videogames party?
Li definiamo una sorta di circo moderno che viaggia per tutta Italia portando l’intrattenimento videoludico in luoghi di aggregazione e offre la possibilità a chiunque di poter giocare gratuitamente sia ai tornei sia nelle aree free play per un intero weekend. Un grande party per chi ama la competizione ma anche per chi ama incontrarsi e divertirsi in compagnia.

Da dove siete partiti ? E quando è nata l’organizzazione dei VGP?
L’idea è partita da Nicola più di 10 anni fa, che da solo ha iniziato una strada molto tortuosa in un ambiente altrettanto difficile. Dotato di una visione proiettata nel futuro ha realizzato eventi videoludici ancor prima che esistesse la GamesWeek e le varie fiere del settore in Italia Ancora oggi collabora con noi sfornando idee originali come il Temporary Store di Milano, che penso sia l’unico locale in Italia in grado di offrire eventi sui videogiochi ogni weekend, uno shop e un’area espositiva per provare i giochi più famosi.
Dopo di che siamo arrivati noi della Videogames Party Srl che abbiamo comprato il format e, forti della nostra capacità organizzativa, abbiamo dato continuità e basi solide ad un idea di gran successo.

Gli eventi che organizzate sono in forma gratuita e finanziamenti arrivano da partner esterni adesso, ma quanto è stata dura all’inizio?
E’ stata durissima ed è ancora dura, lavoriamo per rendere felici i nostri players e spesso lo facciamo senza guardare al ritorno economico, la nostra è una passione più che un lavoro, e penso che sia questo il segreto della buona riuscita dei nostri eventi. La strada è ancora lunga e ogni anno dobbiamo lottare e cercare di ampliare il nostro raggio d’azione nel territorio e cercare sempre più sponsor che ci sostengano, anche perché sembra un gioco ma alla fine dietro ogni evento ci sono tantissime persone che ci lavorano.

Ho notato, soprattutto nell’ultimo periodo, che i videogames party sono diventati un punto d’incontro oramai fisso per i giovani. Vi aspettavate questi numeri ? E secondo voi qual è il motivo di questa successo?
Abbiamo tanti ragazzi che ci seguono ovunque e viaggiano per venire ai nostri e venti, e questo per noi è un motivo di orgoglio. Abbiamo sempre fatto buoni numeri ed è normale che più eventi si fanno e più aumentano i nostri followers. Il segreto del successo è come ho detto prima fare le cose con passione e confrontarsi coi giocatori per migliorare sempre più. Ascoltare i loro consigli e quando ci sono anche le loro lamentele per far si che tutti siano felici di aver partecipato anche se non hanno vinto.

Una curiosità, qual è il torneo che va per la maggiore ? di fronte quale gioco si crea la fila più lunga?
Fifa e Call of Duty sono quelli più giocati, ma da quando è uscito Mario Kart8, anche Nintendo fa dei buonissimi numeri.

Quali prospettive avete del vostro progetto da qui a 5 anni ?
Già dall’anno prossimo stiamo organizzando un VGP sempre più spettacolare, sicuramente con un bel palco e un grande videowall, più animazione e interazione col pubblico e soprattutto obbiettivo da raggiungere assolutamente portare League of Legend nel nostro Tour superando i problemi di connessione che spesso in Italia ci penalizzano.

Commenti su Facebook